Notizie »

Appoggiano candidatura al Premio Nobel della brigata medica cubana Henry Reeve

La Fondazione Internazionale Hugo Chavez per la Pace, l’Amicizia e la Solidarietà  oggi una dichiarazione in appoggio alla proposta di concedere il Premio Nobel della Pace alla brigata medica cubana Henry Reeve.  

L’Organizzazione Non Governativa con sede principale in Sierra Leona, ha considerato questo contingente -specializzato in situazioni di disastri e grandi epidemie – un’espressione massima dei servizi medici internazionalisti di Cuba in altri paesi.

Questo gruppo ha offerto recentemente assistenza solidale nella stessa Sierra Leona, in Guinea e Liberia, nel combattimento all’Ebola, ed ora in Nepal dopo i devastatori terremoti che hanno causato più di otto mila morti.

La dichiarazione -divulgata da un bollettino dell’Istituto Cubano di Amicizia coi Popoli – ha detto che sia i dirigenti della Brigata come i suoi membri, rappresentarono un aiuto inestimabile che non solo ha contribuito a restituire la salute a molti popoli del mondo, bensì anche la loro dignità ed i loro diritti umani.

Il testo ha segnalato che la Fondazione ha accolto con beneplacito la notizia che i sindacati norvegesi hanno lanciato al mondo la campagna per concedere alla Henry Reeve il Premio Nobel della Pace.

Inoltre, recentemente il programma di collaborazione medico internazionalista cubano -con 55 anni di vita – è stato proposto al Premio Nobel della Pace dall’accademico canadese John Kirk, petizione registrata formalmente.

Kirk espose come argomenti le innumerabili dimostrazioni di internazionalismo medico cubano come l’appoggio a migliaia di bambini ucraini, l’Operazione Miracolo che ha restituito la vista a oltre tre milioni di persone.

da Prensa Latina

traduzione Ida Garberi

1 Comentario

Hacer un comentario
  1. gabriele pecoraro / brigatamedicacubanahenryreeve

    el justo premio a qui se lo merece

    Responder     

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*