Notizie »

Le sorelle Mirabal sono considerate il simbolo globale contro la violenza contro la donna

“Se mi ammazzano, tirerò fuori le braccia dalla tomba e sarò più forte”. Con questa frase, l’attivista dominicana Minerva Mirabal rispondeva agli inizi della decade degli anni 60 a chi le faceva notare quello che allora sembrava un segreto di Pulcinella: il regime del presidente Rafael Leonidas Trujillo (1930-1961) l’avrebbe ammazzata.

Il 25 novembre 1960, il suo corpo apparve brutalmente colpito in fondo ad un burrone, all’interno di una jeep insieme a due delle sue sorelle, Patria e Maria Teresa, e l’autista del veicolo, Rufino de la Cruz.

Più di mezzo secolo dopo, la promessa di Minerva ci sembra che si sia compiuta: la sua morte e quella delle sue sorelle per colpa della polizia segreta dominicana, è considerata da molti uno dei principali fattori che portò alla sconfitta del regime di Trujillo.

Ed il nome delle Mirabal si è trasformato nel simbolo mondiale della lotta della donna.

Questo martedì, come ogni 25 novembre, la forza di Minerva, Patria e Maria Teresa si farà sentire specialmente con motivo del Giorno Internazionale per Eliminare la Violenza contro la Donna che è stato dichiarato dall’ONU in onore delle sorelle dominicane nel 1999.

da BBC

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*