Notizie »

Gli USA non scartano la possibilità di una Terza Guerra Mondiale

L’Esercito degli Stati Uniti non scarta oggi che succeda una III Guerra Mondiale, secondo la visione dei conflitti armati futuri, afferma una relazione del Dipartimento di Difesa, citato nel sito digitale Infowars.

Il documento, Concetto di operazione dell’Esercito (Army operating concept), descrive le strategie per distruggere i potenziali rivali geopolitici ed economici che possano ostacolare i piani di controllo globale che si è proposto Washington, ha segnalato l’articolo.

Per gli strateghi militari, il carattere dei conflitti armati si vedrà influito principalmente dai cambiamenti sul paesaggio geopolitico e per esempio, in caso di un confronto con un’altra potenza nucleare, gli USA si propongono di attaccare per primi, in modo che l’avversario sia incapace di rispondere con efficacia.

Mentre in casi di nazioni più piccole, espongono la possibilità dell’esecuzione di operazioni terrestri per reprimere la resistenza popolare.

Dopo più di una decade di una denominata guerra globale contro il terrore, nel nuovo documento le organizzazioni terroristiche internazionali sembrano rimanere un po’ relegate, per dare maggiore importanza alle chiamate potenze emergenti, riferendosi a paesi come Russia e Cina.

La relazione allude anche alle potenze regionali, in relazione ad Iran, che persegue una modernizzazione integrale delle sue forze armate ed ha il potenziale di minacciare gli obiettivi regionali di Washington nel Medio Oriente.

La notizia dà attestazione di una corsa militare dove sono messe sul tappeto le concezioni strategiche che si preparano per portare a termine una terza conflagrazione mondiale in uno scenario da incubo.

L’applicazione di questa dottrina della guerra totale è incompatibile con i diritti democratici ed il governo costituzionale dentro gli Stati Uniti, perché implicherebbe anche la repressione di ogni opposizione politica, oltre che delle lotte sociali, insistono gli autori del lavoro.

La notizia si è presentata in un convegno annuale dell’Esercito, nel quale hanno partecipato alti ufficiali e funzionari del Dipartimento della Difesa.

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*