Notizie »

Chomsky: “lo strumento che hanno utilizzato gli USA per criminalizzare i poveri sono state le droghe”

Noam Chomsky. Foto: Corbis

Noam Chomsky. Foto: Corbis

Ci sono cose che “la classe dirigente bianca-liberale non vuole che rendiamo parte della storia”, ha affermato Chomsky in una conferenza con gli studenti sui risultati del movimento statunitense per i diritti civili. Uno di questi aspetti si riferisce alla criminalizzazione della vita delle persone appartenenti alla razza negra.

“Il movimento dei negri è arrivato al suo limite non appena si è trasformato in un tema di classe”, ha indicato l”analista ed ha spiegato che la classe media delle minoranze razziali rappresentava una certa minaccia per l”egemonia bianca. Pertanto, alla fine degli anni settanta le autorità hanno incominciato a reagire con “la nuova istituzione della criminalizzazione della popolazione negra.”

Chomsky sottolinea che “lo strumento che si è usato per criminalizzare nuovamente la popolazione negra sono state le droghe”. “La guerra contro le droghe è una frode, una frode totale. Non ha niente a che vedere con le droghe. […] In quello che ha avuto successo la guerra contro le droghe è la criminalizzare dei poveri. Ed i poveri negli USA risultano essere nella loro maggioranza negri e latini”, indica l”analista statunitense.

Perfino Chomsky è arrivato a qualificare la guerra contro le droghe come “una guerra Il servizio di assistenza del roulette online gratis online di William Hill e a tua disposizione in italiano, anche con numero verde gratuito, 24 ore su 24, 7 giorni alla settimana. di razze”. “È una guerra di razze. Quasi nella sua totalità; dall”inizio, gli ordini dati alla Polizia di come combattere le droghe sono stati: ‘non è necessario andare nei sobborghi e fermare l”agente di borsa bianco che sniffa di pomeriggio cocaina, ma bisogna andare nei ghetti, e se un ragazzo ha un spinello in tasca, metterlo in prigione”. Cosicché tutto incomincia con l”azione poliziesca, non della stessa Polizia, bensì degli ordini che sono dati loro”, sottolinea l”esperto.

“Ora la popolazione negra è nelle condizioni di impoverimento e di privazioni eccessivamente gravi, per questo che se facciamo attenzione agli ultimi 400 anni della storia degli USA, sono solo 20 o 30 anni di relativa libertà per i rappresentanti di questa razza. E questa è una cicatrice reale nella società “, assicura Chomsky.

L”analista ha concluso che benché non si possa negare “il gran risultato del movimento per i diritti civili” del paese, non bisogna dimenticare il fatto che “ha messo in marcia delle forze che potrebbero tentare di distruggere i cambiamenti ottenuti col fine di difendere i privilegi di classe.”

preso da RT

 

tradotto da Ida Garberi

1 Comentario

Hacer un comentario

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*