Notizie »

Apriranno a Cuba il primo hotel specializzato in musica

Il primo hotel specializzato in musica di Cuba, il Blue Salsa Club, aprirà in novembre prossimo le sue porte con una nuova proposta di turismo culturale a Varadero, la zona marittima più famosa dell’Isola, hanno informato i mezzi locali.

Il progetto ideato dal gruppo spagnolo Blue Bay e l’agenzia di turismo culturale cubana “Paradiso” promuoverà generi musicali come la salsa, la guaracha, il bolero ed i balli tradizionali dell’isola caraibica. Il vicedirettore commerciale della rinnovata installazione alberghiera BelleVue Palma Real, Ramon Fundora, ha detto che in questi momenti, si decorano gli spazi dedicati ai distinti ritmi musicali, che presenteranno un ambiente differente a quello esistente oggi.

“È un’idea molto simile agli hotel Hard Rock e l’obiettivo è che il cliente, quando entri nel Blue Salsa Club, respiri musica, cultura, danza e cubania”, ha spiegato il funzionario in dichiarazioni alla pubblicazione Caribbean News Digital. Ha anche annunciato che gli ospiti dell’hotel avranno compresa l’offerta di lezioni di ballo, di percussioni e diversi strumenti musicali, tra le altre opzioni.

Le autorità del turismo cubano hanno insistito negli ultimi tempi nel proposito di rendere più originale il prodotto vacanziero oltre la tradizionale offerta di sole e spiaggia. Come parte di questo piano, il gruppo statale cubano Gaviota ha appena inaugurato a Varadero un nuovo complesso alberghiero amministrato dal gruppo spagnolo Melià ed ubicato vicino ad un molo con capacità per 1.300 attracchi per yacht e piccole imbarcazioni.

Varadero, situato a circa 150 chilometri da L’Avana e considerato il secondo polo turistico dell’Isola, conta su 50 installazioni alberghiere con 20.200 stanze e riceve più del 40% dei visitatori stranieri che arrivano a Cuba.

Cuba ha ricevuto lo scorso anno 2.838.468 turisti stranieri e tra gli stati che hanno più contribuito risulta il Canada, che ha superato il milione di turisti per il secondo anno, d’accordo con dati ufficiali.

L’aspirazione dell’Isola per il 2013 è trasformarsi nell’anfitriona di 3 milioni di turisti (nel primo semestre dell’anno ha ricevuto 1.596.883), e la loro maggioranza provenivano dal Canada, Inghilterra, Germania ed Argentina, in ordine decrescente, secondo i dati dell’Ufficio Nazionale di Statistiche ed Informazione (ONEI).

con informazione di CubaSì

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*