Notizie »

Musicisti cubani esigono a Barack Obama la libertà per i Cinque

Juan Formell

Juan Formell

Juan Formell, direttore dell’orchestra Los Van Van, ha chiesto ai musicisti cubani di trasformarsi in portatori di un messaggio diretto al presidente statunitense Barack Obama, per esigere l’immediata libertà dei Cinque cubani.

L’emblematico compositore e fondatore di una delle orchestre più riconosciute dell’isola, si è riferito in questione ai musicisti e gruppi popolari cubani che viaggiano regolarmente negli Stati Uniti e soprattutto a Miami, ed hanno la possibilità di essere intervistati in canali di televisione di questo paese.

Dobbiamo essere portatori di quest’idea quando siamo intervistati, o noi stessi spontaneamente dobbiamo chiedere pubblicamente al presidente statunitense Barack Obama, a nome della musica cubana, che liberi i Cinque.

Le dichiarazioni di Formell sono state fatte in un incontro con i familiari di Gerardo Hernandez, Renè Gonzalez, Ramon Labañino, Antonio Guerrero e Fernando Gonzalez, con artisti ed intellettuali cubani, celebrato nella sede dell’Unione degli Scrittori ed Artisti di Cuba (Uneac).

A tono con l’appello unanime dell’avanguardia artistica ed intellettuale dell’isola di fare conoscere al popolo nordamericano la verità attorno alla causa dei Cinque, Formell ha chiesto ai musicisti cubani di non sommarsi al silenzio ed approfittare di qualunque tribuna per esprimere solidarietà.

Rafael Bernal, ministro di Cultura; Miguel Barnet, presidente dell’UNEAC, ed un gruppo di familiari dei Cinque hanno partecipato all’incontro con artisti ed intellettuali di varie generazioni.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*