Notizie »

Presidente cubano dialoga con le vittime dell’uragano Sandy

Il presidente Raul Castro ha dialogato ieri con le vittime dall’uragano Sandy in un percorso nella provincia di Santiago de Cuba, nell’oriente del paese.

Il mandatario ha visitato differenti zone che hanno sofferto l’impatto dell’avvenimento atmosferico all’alba del passato giovedì, e si informò sulla situazione degli abitanti, molti dei quali hanno perso le loro abitazioni e non hanno acqua potabile e luce elettrica.

In risposta a queste difficoltà, Raul Castro ha assicurato che la provvista di acqua sarà garantita attraverso autobotti, mentre si prevede ristabilire il servizio elettrico prima del sabato, secondo una notizia della Televisione Nazionale.

Quindi, si è diretto al Porto di Santiago, dove si sono ristabilite già le operazioni ed i lavoratori lavorano nel recupero dei magazzini colpiti.

Inoltre, il Presidente ha percorso il villaggio del Caney, le cui abitazioni e centri economici sono rimasti devastati da Sandy.

Ha visitato, inoltre, il cimitero di Santa Ifigenia, dove ha reso omaggio all’Eroe Nazionale di Cuba, Josè Martì, dopo conoscere che lì non si produssero danni importanti per il passaggio dell’uragano.

Terminando il suo percorso -accompagnato dal primo vicepresidente cubano, Josè Ramon Machado Ventura, ed altri dirigenti del governo -, il mandatario ha insistito nel continuare a lavorare per ristabilire quanto prima i servizi vitali per la popolazione.

Santiago di Cuba è stata una delle province più colpite dal fenomeno climatologico, che ha lasciato in questa regione orientale perdite stimate in due mila 121 milioni di pesos (84 milioni 840 mila dollari).

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*