Notizie »

Massacro in città libica di Bani Walid

La città libica di Bani Walid è stata presa dall’Esercito, secondo varie relazioni contraddittorie ricevute dal canale Rusia Today. Il sito digitale della televisione assicura che circa 600 persone sono probabilmente morte nei combattimenti del mercoledì e più di 1.000 sono state ricoverate in ospedale.

I residenti della città perseguitata stanno chiedendo aiuto alla comunità internazionale.

Le autorità libiche hanno affermato che le forze del Governo hanno portato a termine un assedio di 20 giorni prima di prendere controllo di Bani Walid, l’ultimo bastione dei sostenitori del regime di Gheddafi. Fonti della città hanno somministrato informazioni contraddittorie, dicendo che le milizie locali erano responsabili dello stato di assedio ed ora del controllo della zona.

“Continuiamo a ricevere informazioni contraddittorie. Le fonti della zona annunciano che l’Esercito si ritira dalla città malgrado denuncino massacri generalizzati. Fonti del Governo dicono che la città è caduta”, informa Paula Slier, corrispondente di RT nel vicino Libano.

Sequestro del leader tribale

Un individuo che si trova in Italia e che suppostamente ha dei familiari a Bani Walid, ha parlato con RT dello stato attuale della città. Identificandosi come Alwarfally -in riferimento ad una tribù di Bani Walid – ha chiesto di rimanere nell’anonimato per l’intervista.

Assicura che ha contattato la sua famiglia nella città assediata, e gli hanno detto che la milizia si è ritirata, ma solo dopo avere sequestrato un membro del consiglio locale degli anziani che è stato nominato dai leader tribali di Bani Walid per governare la città, dopo la caduta di Gheddafi.

“La milizia ha sequestrato il console di Bani Walid, la sua salute è pessima”, ha detto. “L’hanno portato a Misrata e non so che cosa gli succederà. È un uomo molto buono, non aveva niente a che vedere con quello che è successo, è solo un membro del consiglio a Bani Walid.”

Alwarfally ha anche affermato che centinaia di persone sono morte durante l’assedio di 20 giorni.

“Il numero è molto grande”, ha detto. “Il giorno che le milizie sono arrivate, hanno contato circa 70 cadaveri, dopo i combattimenti. Ieri notte hanno ammazzato 600 persone. “Ci sono più di 1000 persone ricoverate negli ospedali”, ha aggiunto.

Aiuto bloccato

Il popolo di Bani Walid sta chiedendo l’aiuto della comunità internazionale, ma gli sforzi di collaborazione di Mosca sono stati fermati dagli Stati Uniti.

Washington ha bloccato nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU martedì scorso un progetto di dichiarazione proposto dalla Russia per fermare la violenza a Bani Walid. La dichiarazione chiedeva una soluzione pacifica al conflitto.

Nel loro assedio, le truppe tentano di fermare i responsabili della morte di Omran Shaaban, l’uomo conosciuto per catturare l’anno scorso Gheddafi. La tribù Warfalla che controllava Bani Walid, è stata accusata di sequestrare e torturare Shaaban.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*