Notizie »

La Bolivia celebrera rituale indigeno per l’equilibrio della vita

Con la partecipazione di circa cinque mila delegazioni nazionali ed internazionali, la Bolivia celebra oggi il terzo Taki Onqoy o Ballo della Sanazione (rituale spirituale indigeno), ha informato il ministro di Cultura, Pablo Groux.

“Ci troviamo nel Colosseo Julio Borelli, insieme a cinque mila delegazioni di diversi popoli indigeni, per commemorare l’inizio del Taki Onqoy (Taki Unquy), del Pachakuti, fine di un’era ed inizio di un’altra”, ha spiegato il funzionario.

Il Taki Onqoy è un ballo di sanazione, una pulizia, è assumere il fatto che la società è malata nella sua spiritualità ed è necessario curarla.

Secondo la convocazione, quello che si cerca è di ristabilire l’equilibrio tra gli esseri umani, per ristabilire il contatto, in seguito con la Pachamama (la madre terra).

Questo 12 ottobre si ricordano i 520 anni dell’arrivo in America di Cristoforo Colombo, è inoltre, il Giorno della Resistenza Indigena in Venezuela e qui in Bolivia il giorno della Decolonizzazione.

Il Taki Unquy è una riflessione per lottare per la vita, l’equilibrio e l’armonia nel pianeta, di fronte alla crisi globale.

Sarà un ritrovo con valori collettivi ancestrali, relegati per secoli dalla dominazione.

Questo rituale è un’attività previa all’Incontro Mondiale dei Leader Spirituali che si svolgerà il 21 dicembre prossimo sull’Isola del Sole, nel lago Titicaca, a quasi quattro mila metri sul livello del mare.

In quell’occasione, la Bolivia darà il benvenuto al solstizio d’estate ed alla pacha o cultura della vita, al termine del calendario maya.

Leader dei popoli indigeni del mondo intero arriveranno al Lago Titicaca per partecipare a questo evento nell’emisfero meridionale, ha segnalato Groux.

Secondo il vice ministro di Decolonizzazione, il primo Taki Onqoy, della Resistenza, si è sviluppato nell’epoca della colonia, quando gli spagnoli, cercando di introdurre la religione cattolica, hanno trucidato Atahuallpa e gli amauti, saggi e guide spirituali.

Il secondo, è stato con Tupac Katari e Tupac Amaru, quando anche loro sono stati sacrificati insieme agli amauti, questo è stato il Taki Onqoy della Liberazione.

E questo 12 ottobre si farà il terzo, quello della Rivoluzione, e quello che segnerà l’inizio delle attività per il Pachakuti.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*