Notizie »

Presidente cubano fa un appello per affrontare i problemi con persistenza

Il presidente cubano, Raul Castro, ha fatto un appello per affrontare con persistenza ed in maniera sistematica i complessi problemi che sussistono nei più diversi temi economici e sociali del paese.

Durante le riunioni ampliate del Consiglio di Difesa Nazionale ed il consiglio dei Ministri sono stati esposti i risultati del 2011 per la difesa della nazione antillana, d’accordo con una comunicazione ufficiale.

I dirigenti presenti hanno ricevuto informazioni sul recupero delle capacità d’immagazzinamento di combustibile, il censimento della popolazione e degli immobili che si realizzerà in settembre del 2012, le illegalità riferite alla pianificazione fisica e la situazione epidemiologica e sanitaria dell’isola.

In questo ultimo punto, si enfatizzò nella necessità di mantenere un elevato rigore nella lotta anti-vettore, precisò nel telegiornale.

E’ anche stato messo in evidenza l’adempimento delle commissioni mediche e di reclutamento del Servizio Militare, fatto che ha permesso il completamento delle truppe regolari delle Forze Armate Rivoluzionarie ed il Ministero dell’Interno.

Intervenendo su questo aspetto, il generale dell’Esercito, Raul Castro, ha considerato che la discesa della natalità richiede studi profondi per poter affrontare le conseguenze di questa problematica nei più diversi scenari della società.

Il primo vicepresidente, Josè Ramon Machado Ventura sottolineò gli sforzi realizzati dal popolo sotto la direzione del Partito Comunista di Cuba (PCC) e dal governo durante lo scorso anno.

Cuba -sottolineò Machado – continuò la sua preparazione per la difesa, in mezzo ad un mantenimento del bloqueo economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti e delle campagne mediatiche con l’obiettivo di screditare il processo rivoluzionario e destabilizzare il sistema sociale.

Allo stesso modo enfatizzò sulla necessità che nel settore agro-alimentare si possa dare priorità all’efficienza nelle aree di sfruttamento, all’incremento dei rendimenti, alla produzione nazionale dei semi e dell’alimento animale.

Inoltre-ha aggiunto – bisogna continuare lo sviluppo dell’agricoltura urbana e locale, tra gli altri aspetti vitali, per garantire la sostenibilità alimentare, mentre il paese continuerà immerso nell’introduzione delle decisioni adottate in questo VI Congresso del PCC.

Nell’appuntamento ampliato del Consiglio dei Ministri si informò sui risultati ottenuti nella diagnosi realizzata al sistema di controllo e fiscalizzazione del governo, cosa che ha permesso di identificare le difficoltà più comuni nell’esecuzione delle attività, come le cause che le generano.

Leonardo Andollo, secondo capo della Commissione Permanente di Implementazione e Sviluppo, spiegò che tra le deficienze emergono le eccessive quantità di azioni di controllo, in molti casi carenti di integralità e profondità nell’analisi delle cause dei problemi scoperti.

Col proposito di dotare il paese di un sistema di controllo di governo molto più effettivo ed opportuno, il consiglio dei Ministri approvò un insieme di principi basilari che saranno applicati in maniera sperimentale nelle occidentali province di Artemisa e Mayabeque, oltre agli organismi dell’amministrazione centrale dello Stato, ha segnalato l’articolo.

Il presidente cubano ha chiamato l’attenzione “sull’importanza di non sottovalutare nessun dilemma per complesso che sembri, perché varie volte per lasciare da parte la sua soluzione, conviviamo con i problemi e non li risolviamo”.

Con informazioni di Prensa Latina

Traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*