Notizie »

La Piazza è tornata a riempirsi con la colorita manifestazione del 1° Maggio

Il Presidente cubano Raul Castro, ha diretto oggi nella Piazza della Rivoluzione de L’Avana l’atto centrale per il 1° Maggio, Giorno Internazionale del Lavoro, celebrato con una manifestazione di massa con lo slogan “Preservare e perfezionare il socialismo.”

La festa dei lavoratori si è celebrata nell’isola come una giornata di “unità” intorno alla sua rivoluzione, come “riaffermazione e compromesso” col proposito di “aggiornare” il modello socialista, ha detto il segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba (CTC) Salvador Valdes Mesa.

“Siamo noi, i lavoratori ed il movimento sindacale, i principali protagonisti nel materializzare l’aggiornamento del modello economico cubano”, ha segnalato Valdes, chi ha avuto l’incarico di pronunciare le parole centrali dell’atto.

Il leader sindacale riconobbe che questa “battaglia economica” non è esente da “ostacoli e difficoltà” ed ha fatto un appello per elevare i livelli di produzione e produttività lavorativa, oltre a potenziare il risparmio.

Ha sottolineato che la continuità della rivoluzione cubana dipende “dalla capacità di sradicare errori” ed ha chiesto di affrontare in forma “energica e sistematica” i delitti, la corruzione e l’indisciplina sociale.

Valdes ha portato anche un messaggio di solidarietà dei cubani con i “popoli ed i lavoratori che sono vittime della crisi economica globale nel mondo.”

Centinaia di migliaia di cubani hanno partecipato alla sfilata centrale de L’Avana che è stata iniziata dai lavoratori della Sanità, simboli delle nostre conquiste sociali e dello spirito internazionalista della Rivoluzione. Nel resto della nazione, milioni di cubani hanno mostrato il loro appoggio alla Rivoluzione ed alla sua leadership, con sfilate nelle piazze principali di ogni località.

Per la prima volta hanno sfilato i lavoratori autonomi affiliati ai differenti sindacati del paese.

preso da www.cubadebate.cu

le foto  sono di  Ismael Francisco

traduzione di Ida Garberi

 

 

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*