Notizie »

Danny Glover spiega l’equivoco sul presunto arresto negli Stati Uniti

Danny Glover

Danny Glover

L’attore americano Danny Glover ha negato le versioni del suo arresto di fronte al Dipartimento di Giustizia in questa capitale, durante una marcia a favore di Mumia Abu Jamal, che sta scontando un’ingiusta detenzione a vita.

La notizia, trasmessa da una stazione radio, è stata chiarita dall’attore ed attivista afro-americano, che ha parlato per telefono con i giornalisti del sito digitale Cubadebate per chiarire l’equivoco.

Secondo la fonte, l’errore si è verificato quando Glover, che è a New York, e dunque non poteva essere presente alla manifestazione di ieri a Washington, a favore dello scrittore ed attivista Mumia Abu Jamal, incarcerato negli Stati Uniti.

L’attore ha annunciato sul suo account in Twitter che offrirà oggi un’intervista a Democracy Now!.

La marcia davanti agli uffici del Dipartimento di Giustizia in Washington è stata organizzata per il 58° compleanno di Jamal, giornalista ed attivista negro condannato a morte, fino a quando non gli commutarono la pena a reclusione perpetua.

Sebbene la riduzione della pena di Mumia è stata vista come un passo incoraggiante per alcuni, altri dicono che è una strategia politica per placare l’opinione pubblica.

Nel 1981, il giornalista è stato accusato d’omicidio di primo grado con l’accusa di aver ucciso un agente di polizia, ma molti non credono sulla prova che lo ha messo dietro le sbarre, e per questo si sta esigendo di ripetere il giudizio.

Mumia Abu Jamal ha trascorso gli ultimi 29 anni della sua vita nel corridoio della morte, ma dal gennaio di quest’anno, la pena è stata ridotta al carcere a vita senza possibilità di libertà condizionale.

Baba Mohammed Zayed, rappresentante del Partito delle New Black Panthers, ed uno degli organizzatori della manifestazione, ha osservato come i due politici afro-americani più importanti, il Procuratore Generale Eric Holder ed il presidente Barack Obama hanno voltato le spalle alla comunità negra negli Stati Uniti.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*