Notizie »

Il Pentagono organizza una rete di spie per vigilare all’estero il settore civile

Il Pentagono sta chiedendo al Congresso degli Stati Uniti l’autorizzazione per un’operazione segreta dell’esercito degli Stati Uniti, con l’obiettivo di vigilare all’estero il settore civile imprenditoriale.

“Il conflitto con Al Qaeda ed i suoi soci, ed altri avvenimenti, hanno richiesto la condotta regolare in piccola scala di operazioni militari clandestine per preparare il campo di battaglia per operazioni militari contro terroristi ed i suoi sostenitori”, ha detto il Pentagono nella sua proposta al Congresso.

Il Dipartimento di Difesa degli USA ha chiesto al Congresso la revisione delle sue autorità legali e di permettere alle unità segrete statunitensi di inviare spie negli uffici degli appaltatori militari stranieri.

Questo significherebbe che le spie, facendosi passare per uomini d’affari, sarebbero inviate dal Pentagono all’industria per condurre operazioni clandestine.

Nella ricerca di più potere nei lavori d’intelligenza all’estero, il Dipartimento della Difesa degli USA vuole essere capace di utilizzare le operazioni clandestine, e questo significa che potrebbe mantenere in gran segreto le operazioni e negare l’esistenza della missione.

Inoltre il Pentagono ha proposto che l’autorità per soprintendere lo spionaggio sia data al sottosegretario dei Temi di Intelligenza, del Dipartimento, invece che all’Agenzia di Intelligenza della Difesa degli USA (DIA), la principale istituzione di intelligenza militare del paese e che usa a oltre 16.500 lavoratori civili e militari in tutto il mondo.

Sdebitandosi attualmente come sottosegretario di Difesa per Temi di Intelligenza degli USA, Michael Vickers, è uno dei difensori principali del Pentagono nella trasformazione di forze di operazioni speciali in agenti elite di intelligenza.

“L’espansione di questa autorità è necessaria per permettere al Dipartimento della Difesa di condurre attività commerciali generatrici di entrate per proteggere questo tipo di operazioni e proporzionerebbe una garanzia importante alle forze militari statunitensi che portano a termine  operazioni pericolose all’estero”, ha aggiunto il Pentagono.

Nel frattempo, alcuni critici affermano che inviare spie militari nei settori civili aprirebbe un nuovo fronte straniero per operazioni degli USA. e potrebbe esporre dei lavoratori innocenti al pericoloso mondo della guerra internazionale.

presa da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*