Notizie »

Italia: record di fallimenti e suicidi imprenditoriali

Una media di 31 ditte al giorno sono fallite in Italia durante il 2011, per un totale superiore alle 11600 compagnie, informarono fonti ufficiali.

Secondo gli imprenditori, si tratta del peggiore anno dei quattro da quando è incominciata la crisi, perché sono dati superiori ai numeri di chiusure di compagnie locali accumulato anno dopo anno dal 2008.

Per Giuseppe Bortolussi, segretario generale dell’Associazione degli Artigiani, “tre virus letali” attaccarono le piccole e medie imprese che “sono il motore occupazionale ed economico del paese”. Il piccolo imprenditore dettagliò i tre flagelli drammatici per le imprese. “Il crollo creditizio, il ritardo nei pagamenti per vendita di mercanzie e l’atroce caduta della domanda interna di prodotti”, precisò.

Secondo fonti imprenditoriali, per il padrone di un commercio il fallimento si trasforma in un trauma personale e questo spiega l’alto indice di suicidi registrati negli ultimi mesi nel settore dei piccoli imprenditori. Alcuni giorni fa un piccolo imprenditore si è dato fuoco a Verona, mentre la settimana scorsa ci sono stati due tentativi suicidi a Bologna ed a Novara.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*