Notizie »

Bambino di 13 anni affronta una condanna all’ergastolo negli USA

Il caso da un bambino di 13 anni accusato di ammazzare suo fratello minore in Florida, genera una crescente polemica, e potrebbe trasformarlo nella persona più giovane condannata all’ergastolo nel paese.

Cristian Fernandez è accusato di assassinio in primo grado per la morte del suo fratellastro di due anni, David Gallariago, successa un anno fa per un trauma cerebrale dopo essere stato spinto contro una biblioteca.

Manifestanti di tutto il mondo hanno dichiarato che Fernandez che aveva 12 anni quando è accaduto l’incidente, deve essere giudicato come minore di età. Se è dichiarato colpevole in un tribunale di adulti, affronta un ergastolo senza libertà condizionale.

Gli investigatori del caso hanno detto che il bambino la cui madre aveva solo 12 anni quando nacque, soffrì una vita di abusi fisici, emozionali e sessuali, oltre all’abbandono, ma nonostante tutto ciò ha dimostrato che può essere riabilitato.

Il suo caso tornerà ad essere trattato nella corte mercoledì per un’udienza previa al giudizio nel quale la difesa tenterà di presentare delle prove per ridurre le accuse contro di lui.

In un’udienza in dicembre a Jacksonville, al nordest della Florida, la pubblico ministero statale Angela Corey ha detto che proporrebbe un accordo con la procura per ribassare l’accusa ad assassinio di secondo grado, fatto che anche potrebbe portare ad una condanna all’ergastolo.

Ma il pubblico difensore Matt Shirk ha respinto l’accordo insistendo in che Fernandez deve essere giudicato come minore d’età, fatto che ridurrebbe qualunque sentenza a 36 mesi.

Mark Caliel, aggiunto della procura statale, ha affermato che i pubblici ministeri non hanno intenzione di condannarlo all’ergastolo, ma questo non ha calmato un’ondata di proteste.

Una madre di Jacksonville, Alicia Torrez, che ha due figli che andavano a scuola con Fernandez, e la difensore di minori Melissa Higgins raccolsero 180.000 firme in una petizione contro al fatto che il bambino sia giudicato come un adulto.

Come segnalano, le prove psicologiche ordinate dalla squadra della difesa del bambino indicano che Fernandez è stato vittima di abuso cronico, ma anche che potrebbe essere riabilitato dalla società.

Affermano anche che i documenti giudiziali indicano che la madre di Fernandez, Biannela Susana, di 26 anni, dopo essere arrivata a casa sua e trovare il piccolo David ferito aspettò sei ore prima di portarlo all’ospedale.

I medici hanno detto che il bambino sarebbe potuto sopravvivere se fosse stato trattato prima. Anche la madre è stata accusata di omicidio aggravato, poiché secondo i pubblici ministeri, la sua negligenza causò la morte del piccolo David.

“La storia di Cristian commuove molta gente quando conoscono i dettagli del caso”, ha affermato Higgins. “Ovviamente è un bambino che ha avuto una situazione difficile ed il suo ruolo in quello che passò non è chiaramente definito.”

Nell’ottobre del 2009, prima che la famiglia si trasferisse a Jacksonville da Miami, il patrigno di Fernandez si sparò suicidandosi di fronte alla sua famiglia per evitare di essere arrestato per accuse di abuso infantile.

Caliel ha detto tuttavia che, dopo una revisione di tre mesi, lo Stato decise di giudicarlo come adulto.

“Non crediamo che il sistema di giustizia giovanile è equipaggiato per maneggiare adeguatamente la parte querelata… dato la limitata competenza di questo sistema che termina quando l’accusato compia 21 anni e limita l’incarceramento a 36 mesi”, ha affermato Caliel.

“Siamo sicuri che i programmi di riabilitazione e le pene per i delitti commessi non potrebbero portarsi a termine nel limitato tempo che passerebbe nel sistema di giustizia dei minori.”

Caliel ha aggiunto che lo stato sta cercando una formula ibrida nella quale Fernandez stia incarcerato in un ambiente di minori per la durata della pena di carcere, fino ai 21 anni, seguito da una riabilitazione giudiziale vigilata.

“Non sarà certamente inviato ad una prigione per adulti, e per legge non possono farlo”, disse.

Caliel ha affermato che spera di giungere ad un accordo col pubblico ministero prima del giudizio e che, perfino se il caso va a giudizio, i pubblici ministeri optino per la pena ibrida proposta invece di un possibile ergastolo.

Anche l’ex procuratore statale Harry Shorstein espresse la sua opposizione all’iniziativa di giudicare Fernandez come un adulto.

“Credo che dimostri una mancanza di comprensione del cervello degli adolescenti e del loro sviluppo”, disse. “È completamente differente ad un adulto e non si è sviluppato ancora pienamente.”

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

1 Comentario

Hacer un comentario
  1. giuseppe / aiuto

    Pazzesco e quella sarebbe la nazione democratica più avanzata?

    Responder     

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*