Notizie »

Libro di Eduardo Galeano sarà presentato il 17 a Casa de las Americas

“Espejos. Una historia casi universal”, libro dello scrittore uruguaiano Eduardo Galeano, sarà presentato il prossimo giorno 17 a L’Avana, come parte del programma del Premio Letterario Casa de las Americas 2012.

In una conferenza stampa effettuata oggi in questa istituzione, gli organizzatori dell’incontro precisarono che il testo di Galeano, vincitore del Premio Onorifico di Narrazione Josè Maria Arguedas 2011, vedrà la luce nella Sala Che Guevara, con entrata libera per il pubblico.

Roberto Fernandez Retamar, presidente di Casa de las Americas, sottolineò l’onore che questo grande intellettuale latinoamericano inauguri la 53° edizione della competizione (dal 16 al 26 gennaio), per trattarsi attualmente di uno dei pensatori di sinistra più influenti.

Spiegò che l’autore di Las venas abiertas de America Latina -volume regalato nel 2009 dal Presidente venezuelano Hugo Chavez al mandatario statunitense Barack Obama – ostenta due premi Casa de las Americas ed è uno dei più popolari narratori sull’Isola ed in molte altre nazioni.

Jorge Fornet, direttore del Centro degli Studi Letterari dell’istituzione culturale della capitale cubana, ha sottolineato che tra i paesi che hanno inviato più opere al concorso ci sono Brasile, Argentina, Cuba, Colombia ed Uruguay, nei generi come letteratura per bambini, brasiliana e caraibica, teatro e studi sui latini negli Stati Uniti.

Il politologo cubano Esteban Morales, integrante della giuria del Premio straordinario degli studi sulla presenza negra in America e nei Caraibi contemporanei, sottolineò che la Casa è all’avanguardia con un tema di grande validità e trascendenza per i popoli del continente.

Come è già abituale, le 22 giurie del concorso lavoreranno nella città di Cienfuegos, dove svilupperanno un intenso programma culturale.

I risultati della competizione saranno resi pubblici il 26 gennaio, nella Casa de las Americas.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*