Notizie »

Ampliano affitti di locali a lavoratori privati a Cuba

Il governo cubano estenderà a partire dal 1° gennaio 2012 le opzioni di affitto di locali ai lavoratori privati, misura che include le attività come falegname e fotografo, secondo risoluzioni pubblicate oggi nella Gazzetta Ufficiale. Le norme dei ministeri di Commercio Interno, Lavoro e Finanze e Prezzi abbracciano inoltre i mestieri di tappezziere, fabbro, orologiaio, calzolaio, riparatore di gioielli, materassi e squadre elettriche, tra le altre modalità di servizio.

D’accordo con la Gazzetta Ufficiale straordinaria numero 46, l’ampliamento comincerà dalle province di Pinar del Rio, L’Avana, Matanzas, Villa Clara, Ciego de Avila e Las Tunas, per posteriormente arrivare in maniera graduale al resto del paese.
Con le nuove risoluzioni, lavoratori di imprese di servizi si integreranno già al sistema di affitto in esecuzione per i casi di negozi da barbiere e parrucchieri.

Gli immobili ed i mezzi che si aggiungano nei contratti rimarranno come proprietà statale, ed i privati fissano gli orari ed i prezzi.

Cuba aggiorna il suo modello economico a partire da linee guida promosse nel VI Congresso del Partito Comunista -realizzato in aprile scorso – che cerca maggiore produttività ed efficienza, in un ambiente internazionale messa in ginocchio dalla crisi.

Attualmente, quasi 360 mila cubani sono incorporati al lavoro per proprio conto.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*