Notizie »

Cuba creerà un nuovo gruppo per le poste

Una busta delle poste cubane

Una busta delle poste cubane

Cuba chiuderà la ditta attuale delle poste, per creare un nuovo gruppo che garantisca maggiore efficienza nel servizio, cosa che potrebbe cominciare ad operare a metà del 2012, come parte dei cambiamenti per aggiornare il modello socialista.

Il settimanale “Opciones” informa in una nota che la compagnia “si spoglierà di un’invecchiata struttura troppo grande”, che “ostacola il suo sviluppo”, per “assumere forme più moderne di amministrazione, garante di efficienza e qualità.”

“La chiusura economica del 2011 segnerà un processo di un nuovo ordinamento e trasformazione dell’Impresa Poste di Cuba (ECC), che precede alla sua conversione in un Gruppo Imprenditoriale, nuovo modello che assumerà a metà del prossimo anno”, ha affermato ‘Opciones ‘ nella sua pagina di Internet.

Il nuovo gruppo sarà integrato da 18 ditte territoriali, una in ogni provincia di Cuba, ad eccezione de L’Avana, dove ci saranno tre entità incaricate ognuna di cinque municipi. Ci sarà anche una Ditta di Messaggeria e Cambio Internazionale, un’altra dell’Assicurazione Generale e l’Organizzazione Superiore di Direzione.

Il processo di trasformazioni nei servizi della posta si trova a “metà del cammino”, come ha informato Eliecer Blanco Prieto, presidente dell’ECC, a ‘Opciones ‘, dopo considerare che “le tecnologie moderne convocano alla rapida realizzazione dei cambiamenti, senza perdere le essenze di questo settore.”

Nei cambiamenti, ha assicurato Blanco Prieto, si prenderanno in considerazione i 13.600 lavoratori ed i suoi 1.015 uffici, come i 16 centri di trattamento e gli altri 54 di consegna a domicilio. Si considera anche che “l’attuale impresa gestisce in contanti un volume elevato di denaro come risultato di prestazioni relazionate con la previdenza sociale, con la riscossione di crediti e con altre funzioni.”

Uno degli obiettivi principali di questa nuova tappa è ottenere la decentralizzazione perché “in questa maniera ciascuna ditta può dirigere nel suo territorio”, ha spiegato al settimanale Raul Marcial Cortina, direttore nazionale di strategia dell’ECC.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*