Notizie »

Il Boston Globe fa presente agli Indignati che non possono usare il suo nome

The Occupy Boston Globe

The Occupy Boston Globe

I manifestanti di “Occupy Wall Street” sono riusciti a riscuotere poco più di quaranta mila euro per concetto di donazioni attraverso la pagina Kickstarter per fondare un periodico chiamato Occupy Wall Street Journal. Il vero WSJ non si è pronunciato rispetto all’appropriazione del nome da parte degli “indignati.”

L’esperienza si è cominciata a riprodurre in altre città. Anche l’Occupy Boston Globe è un mezzo parallelo che sarebbe scritto in inglese e spagnolo, ma il Boston Globe originale ha fatto notare ai manifestanti che non possono usare il suo nome o logo.

“I manifestanti hanno questo diritto. Il nome Occupy Boston Globe è una parodia… ed è protetto dal Primo Emendamento”, ha commentato al riguardo il giornalista ed investigatore Dan Kennedy nel suo blog Media Nation.

“Una considerazione importante nei casi dei marchi registrati è se i lettori potrebbero confondere la parodia con l’originale. Non sembra che ci siano molte possibilità che si possa applicare in questo caso”, ha concluso.

 

traduzione di Ida Garberi

preso da www.cubadebate.cu

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*