Fidel riflessioni »

238 MOTIVI PER ESSERE PREOCCUPATO (PRIMA PARTE)

Viviamo un momento eccezionale della storia umana. A partire dal momento in cui essa si divideva in Storia Antica, Media, Moderna e Contemporanea. Non quella che abbiamo studiato a scuola tre quarto di secoli fa, ma quella che genialmente Carlos Marx qualificò di preistoria. Ciò sarebbe conseguenza dell’incredibile sviluppo delle forze produttive, grazie alla scienza e la tecnologia, e del loro impatto sulla coscienza e la vita materiale della nostra specie.

Tuttavia, la scienza e la tecnologia hanno anche portato un’inimmaginabile capacità distruttiva.

José Martí, il nostro Apostolo ed Eroe Nazionale, nella sua lotta contro il colonialismo spagnolo – che più di 500 anni fa annesse l’isola al suo Paese situato a migliaia di miglia di distanza nel Vecchio Continente, sterminò la sua popolazione ed impose una nuova cultura e mescolanza di sangue -  vedeva il futuro come frutto dello sviluppo delle idee e della necessità di giustizia ed uguaglianza tra gli esseri umani.

I grandi artefici dei nostri sogni, coloro che consacrarono la loro esistenza, che conobbero le viscere del mostro imperialista e con relazione ai popoli ibero-americani, il “gigante delle sette leghe”, per poco non hanno vissuto la terribile alternativa di tragedia estrema o luminosa speranza che oggi avvolge il nostro pianeta globalizzato.

Fortunatamente il nostro Paese ha fatto una Rivoluzione. Tutti quanti hanno imparato a leggere e scrivere, usufruiscono di ottimi servizi di salute che perfino condividono con altri popoli, hanno saputo essere patriota e contemporaneamente internazionalista;  è preparato per un mondo di giustizia senza sfruttatori né sfruttati, e potrà contribuire alla ricerca di nuove formule che consentiranno la vita umana sulla terra.

Parto dalla convinzione che l’imperialismo sparirà perché la sua esistenza è incompatibile con la vita umana nel pianeta.

Nell’arco di 88 giorni, si sono riuniti gli elementi di giudizio pertinenti per spiegare ai lettori quello che sta succedendo. Lo spiegherò in due Riflessioni.   

Il 1 giugno, 8 giorni prima dell’approvazione della Risoluzione 1929 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, le agenzie stampa hanno pubblicato cinque comunicati.  L’agenzia EFE informava in tre note differenti:

“L’Iran ha tacciato oggi di ‘ripetitiva e parziale’ l’ultima relazione dell’Organismo Internazionale dell’Energia Atomica (OIEA) sul programma nucleare iraniano e si è mostrato ‘sorpreso’ della non allusione all’accordo tripartito di scambio d’uranio firmato con Turchia e Brasile.”

“Il ministro degli Affari Esterni iraniano, Manoucher Mottaki, ha dato retta oggi a dure critiche al Parlamento Europeo, dove i deputati gli rinfacciarono la situazione relativa ai diritti umani nel suo Paese ed il programma nucleare spinto dal suo governo.”

“La Casa Bianca ha detto oggi che l’ultima relazione emessa dall’Organismo Internazionale d’Energia Atomica (OIEA, per le sue sigle in inglese) dimostra che l’Iran continua a violare i suoi obblighi internazionali e si rifiuta di cooperare con gli ispettori dell’ONU.”

Dalla sua parte, l’ ANSA comunicava:

“Il capo del Mossad, servizio segreto israeliano, Meir Dagan, ha considerato oggi che l’accordo tra Iran, Brasile e Turchia per lo scambio di materiale nucleare è un ‘inganno’ ordito da Teheran per dividere la comunità internazionale.”

Giugno 2:

“(AFP).- Gli Stati Uniti aspettano che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si pronunci a proposito di una risoluzione che promuove nuove sanzioni contro l’Iran, massimo il 21 giugno, ha indicato questo mercoledì il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley.”

“(EFE).- La Banca Centrale dell’Iran ha messo in atto un piano per trasformare 45 miliardi delle sue riserve in euro, in dollari e lingotti d’oro, dovuto alla crisi che affronta la moneta unica, ha informato oggi la televisione statale in inglese PressTV.”

Giugno 4:

“(EFE).- Centinaia di migliaia di persone hanno commemorato oggi il XXI anniversario della morte del fondatore della Repubblica Islamica dell’Iran, ayatollah Jomeini, in una manifestazione in cui il leader supremo, ayatollah Alí Jameneí, ed il presidente, Mahmud Ahmadineyad, hanno minacciato l’opposizione e si sono avventati contro gli USA e l’Israele.”

“(ANSA).- Il presidente dell’Iran, Mahmud Ahmadinejad, ha informato oggi che un attacco contro il suo Paese da parte dell’Israele sarebbe ‘la morte del regime sionista’.

“(REUTERS).- Russia e Cina sono contro una votazione nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su maggiori sanzioni contro l’Iran, ha detto il ministro degli Affari Esterni russo, Sergei Lavrov, secondo è stato detto venerdì.”

Giugno 6:

“(ANSA).- Il capo dell’opposizione iraniana, Mir Hossein Mussavi, ha accusato oggi il governo di portare avanti ‘politiche ingannevoli, oscure e dannose’ che ‘offrono un’opportunità d’oro agli Stati Uniti ed all’Israele’.

Giugno 7:

“(EFE).- Il presidente iraniano, Mahmud Ahmadineyad, viaggerà questa settimana in Cina per discutere la polemica nucleare e la proposta di scambio di combustibile convenuta con Brasile e Turchia, ha annunciato oggi la televisione statale.”

“(AFP).- L’AIEA continua ad aspettare una risposta ufficiale dagli Stati Uniti, Francia e Russia sull’accordo di scambio d’uranio tra Iran, Turchia e Brasile, ha indicato questo lunedì a Vienna il direttore della suddetta agenzia dell’ONU, Yukiya Amano.”

“(DPA).- Il governo iraniano ha salutato oggi che l’Organismo Internazionale d’Energia Atomica (OIEA) includesse l’ipotetico programma di armi nucleari dell’Israele nelle discussioni che manterrà a Vienna durante questa settimana.”

“(EFE).- Il capo dell’Agenzia Nucleare Russa (Rosatom), Serguéi Kiriyenko, ha negato oggi che l’imposizione di sanzioni a Teheran possa colpire la costruzione da ingegneri russi della Centrale Nucleare di Bushehr, in Iran.”

“(EFE).- Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU potrebbe votare mercoledì per decidere se impone un quarto gruppo di sanzioni all’Iran per rifiutarsi di fermare l’arricchimento d’uranio, hanno detto oggi fonti diplomatiche.”

“(AFP).- La televisione iraniana ha diffuso lunedì sera l’intervista di un uomo presentato come Shahram Amiri, fisico nucleare iraniano scomparso nel 2009 in Arabia Saudita che afferma essere stato sequestrato dai servizi segreti statunitensi e sauditi e portato agli Stati Uniti.”

Giugno 8:

“(AFP).- Il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha fatto conoscere che il suo Paese non parteciperà ai nuovi negoziati sul suo programma nucleare se è sottoposto a nuove sanzioni, quello che il segretario statunitense di Difesa, Robert Gates, aspetta che si produrrà ‘molto presto’.

“(REUTERS).- Le sanzioni dell’ONU contro l’Iran per il suo disputato programma nucleare sono state ‘completamente convenute’, ha informato martedì una fonte russa vicina ai dialoghi del Consiglio di Sicurezza.”

“(EFE).- Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU voterà questo mercoledì un quarto gruppo di sanzioni contro l’Iran per la sua negativa  di fermare l’arricchimento d’uranio, a dispetto dei tentativi del Brasile e Turchia per dare più tempo ai negoziati con Teheran.”

“(EFE).- Il Parlamento iraniano riesaminerà la cooperazione del suo Paese con l’Organismo Internazionale dell’Energia Atomica (OIEA) se il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite approverà il nuovo pacchetto di sanzioni promosso dagli Stati Uniti.”

“(REUTERS).- L’Iran ha convocato martedì a consultazioni l’ambasciatore svizzero a Teheran e gli ha consegnato documenti che, secondo dice, dimostrano che uno scienziato nucleare iraniano è stato rapito dagli Stati Uniti, ha pubblicato l’agenzia ufficiale di notizie IRNA.”

Il maggiore numero di note d’agenzie avviene il 9 giugno. Quel giorno passerà alla storia come quello in cui gli Stati Uniti hanno passato il Rubicone, quando si sono impegnati a prendere misure di forza contro l’Iran se non permetteva che le sue navi mercantili fossero ispezionate in acque internazionali. Le segnalerò tutte secondo l’ordine in cui sono state pubblicate:

“(EFE).- Il presidente iraniano, Mahmud Ahmadineyad, ha denunciato oggi che mentre in alcune parti del mondo la mancanza d’acqua si è trasformata in un fattore critico, i paesi sviluppati utilizzano più acqua della necessaria.”

“(EFE).- Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato oggi un nuovo e più duro regime di sanzioni contro l’Iran per la sua negativa di fermare il suo programma nucleare, quello che è stato ascoltato con sarcasmo dal presidente iraniano, Mahmud Ahmadineyad, chi ha qualificato la misura come un gruppo di ‘mosche noiose’.

“(EFE).- Il presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula dà Silva, il cui Paese ha votato oggi contro le sanzioni contro l’Iran approvate nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha affermato che la nuova pena è stata imposta per ‘chi credono alla forza’ e non al dialogo.”

“(AFP).- Gli Stati Uniti rispettano il ‘punto di vista differente’ del Brasile e Turchia sulle nuove sanzioni contro l’Iran, benché entrambi i paesi dovranno spiegare perché hanno votato contro nel Consiglio di Sicurezza, ha dichiarato questo mercoledì il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley.”

“(EFE).- Poco prima dell’adozione di un nuovo gruppo di sanzioni contro l’Iran nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, l’Unione Europea e gli USA hanno condannato oggi con durezza, durante una riunione del Consiglio di Governatori dell’OIEA a Vienna, la mancata cooperazione iraniana nei confronti del suo controverso programma nucleare.”

“(AFP).-  Gli Stati Uniti, Francia e Russia hanno espresso mercoledì le loro riserve sull’accordo tra Iran, Brasile e Turchia per lo scambio d’uranio iraniano, poche ore prima della riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per votare nuove  sanzioni contro la Repubblica Islamica.”

“(ANSA).- Una nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con sanzioni contro l’Iran non risolverà la questione’ della lite nucleare che affronta Teheran, ha pubblicato oggi in un editoriale uno dei giornali del governo siriano.”

“(EFE).- Il segretario generale dell’ONU, Ban Ki-moon, ha chiesto oggi all’Iran d’adempiere ai propri obblighi internazionali dopo che il Consiglio di Sicurezza dell’organismo l’imponesse un nuovo gruppo di sanzioni per proseguire con il suo programma nucleare.”

“(AFP).- L’Iran ha affermato mercoledì che le nuove sanzioni adottate nel suo confronto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ‘sono soli fazzoletti usati e devono andare alla spazzatura’ e ha reiterato la sua volontà di proseguire, ad ogni costo, con il suo controverso programma nucleare.”

“(AFP).-  La risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che impone nuove sanzioni all’Iran per il suo programma nucleare è una ‘vittoria pírrica’, ha detto questo mercoledì il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula dà Silva il cui Paese, membro non permanente del corpo, ha votato contro la misura.”

“(REUTERS).- Il Congresso degli Stati Uniti approverà più sanzioni contro l’Iran questo mese, ha pronosticato mercoledì un legislatore democratico chi ha indicato che le nuove misure adottate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sarebbero un passo chiave e, contemporaneamente, ha chiesto di prendere misure più forti.”

Un totale di 11 note d’agenzie hanno informato al mondo quello che è successo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il giorno 10 ci sono stati 9 note d’agenzie sul tema. Ne menzionerò alcune:

“(AFP).- L’Iran ha minacciato questo giovedì di diminuire il suo rapporto con l’Agenzia Internazionale d’Energia Atomica (AIEA) il giorno successivo in cui le Nazioni Unite avrebbero votato nuove sanzioni e dopo che Russia, il suo tradizionale alleato, avrebbe congelato la vendita di missili alla Repubblica Islamica.”

“(NOTIMEX).- Il presidente del parlamento dell’Iran, Ali Larijani, ha affermato oggi che sfortunatamente gli Stati Uniti stanno giocando ‘un innocente match’ sul controverso programma nucleare di Teheran, sollecitati da quello che ha chiamato la ‘lobby sionista’.

“(EFE).- Il Governo venezuelano ha detto oggi che ‘respinge categoricamente’ la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su nuove sanzioni politiche ed economiche contro l’Iran, un giorno dopo che il presidente Hugo Chávez esigesse ‘rispetto’ per la nazione persiana.”

“(EFE).- La Russia ha dichiarato oggi che le nuove sanzioni internazionali contro l’Iran approvate il  giorno precedente dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non sono un ostacolo per rispettare il contratto di vendita a Teheran di batterie di sistemi antiaerei missili S-300″

“(ANSA).- Gli Stati Uniti considerano ‘deludente’ il voto contrario del Brasile e Turchia  mercoledì nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per mettere in atto il nuovo gruppo di sanzioni contro l’Iran, ha detto oggi il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs.”

Di seguito includo note d’agenzia isolate che si riferiscono al tema, senza che ci sia il minore cambiamento di matrice. Come due treni sulla stessa via andando a tutta velocità uno verso l’altro.

“(AFP).- Il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha intrapreso venerdì una diatriba contro gli Stati Uniti ed Israele, 48 ore dopo l’approvazione di nuove sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro il suo Paese, che è sempre  più isolato internazionalmente.”

“(REUTERS).-  L’Iran sarebbe capace di sviluppare armi nucleari in un lasso da uno a tre anni, ha detto venerdì il segretario di Difesa degli Stati Uniti, Robert Gates, aggiungendo che c’è ancora tempo per sollecitare Teheran.”

“(EFE).- L’Iran restringerà la sua cooperazione con l’Organismo Internazionale dell’Energia Atomica (OIEA) ai limiti imposti dal Trattato di Non Proliferazione Nucleare (TNPN) e proseguirà l’arricchimento d’uranio, ha indicato l’ambasciatore iraniano presso il suddetto organismo, Alí Asghar Soltanieh.”

“(EFE).- Il direttore dell’Organizzazione d’Energia Atomica dell’Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi, ha avvertito oggi l’Occidente d’evitare d’entrare in un vicolo cieco e d’accettare la formula dello scambio di combustibile nucleare con l’Iran.”

“(ANSA).- L’Arabia Saudita ha consentito l’uso del suo spazio aereo all’Israele per un eventuale attacco contro impianti nucleari dell’Iran, dietro le nuove sanzioni decise dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro la Repubblica islamica.

L’ha pubblicato oggi “il giornale britannico Times, citando fonti di Difesa nel Golfo Persico che hanno chiesto l’anonimato.

“Le fonti hanno riferito che Riad ha concesso all’Israele uno stretto corridoio aereo a nord del Paese per accorciare la distanza tra lo Stato ebreo e la Repubblica islamica.”

“(EFE).- Agenti segreti iraniani hanno fermato la settimana scorsa in vari punti del Paese tredici ipotetici membri di un gruppo terroristico antirivoluzionario che era apparentemente preparato per compiere attentati, ha informato oggi l’ufficio di relazioni pubbliche del Ministero d’Intelligenza.”

Giugno 15:

“(AFP).-  Il ministro degli affari esteri brasiliano, Celso Amorim, ha considerato martedì una ‘buona notizia’ che il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad dichiarasse ancora in vigore, a dispetto delle nuove sanzioni del Consiglio di Sicurezza, l’accordo di scambio d’uranio firmato dal suo Paese con Brasile e Turchia.”

“(AFP).-  Il ministro degli affari esteri brasiliano, Celso Amorim, ha affermato martedì che era venuto il momento d’ascoltare i paesi emergenti in ‘questioni gravi’ come quella del programma nucleare iraniano, dopo che le potenze ignorassero un’iniziativa sostenuta dalla Turchia e Brasile per disattivare quelle tensioni.

“‘E venuto il momento d’ascoltare, nelle questioni gravi riguardanti la pace e la guerra, i paesi emergenti – Turchia e Brasile, così come altri tali India, Africa del sud, Egitto ed Indonesia’, scrive il ministro nel giornale francese Le Figaro.”

Giugno 16:

“(EFE).- Il presidente iraniano, Mahmud Ahmadineyad, ha informato oggi che da adesso sarà il suo Paese a stabilire le condizioni per un eventuale dialogo sulla controversia nucleare.”

“(ANSA).- L’Iran ha annunciato oggi la costruzione di un nuovo reattore nucleare ai fini scientifici e ha fatto conoscere che riprenderà  negoziati nella lite per i suoi piani atomici soltanto dopo avere imposto punizioni alle potenze che hanno approvato sanzioni nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.”

“(EFE).- Il vertice di leader dell’Unione Europea appoggerà domani l’approvazione di sanzioni contro l’Iran oltre quelle imposte dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, includendo misure nel settore del petrolio e del gas.”

“(EFE).- La Guardia Rivoluzionaria, corpo d’elite delle forze di sicurezza iraniane, ha cominciato a spiegarsi lungo la frontiera con l’Iraq ‘davanti alla presenza nella zona degli Stati Uniti e dell’Israele’, ha dichiarato oggi uno dei suoi comandanti.

“Mehdi Moini, generale di brigata e maggiore di questo corpo nella provincia nordovest iraniana d’Azerbaigian ovest, ha accusato questi ed altri paesi di volere provocare un conflitto di carattere etnico nella regione, secondo la televisione statale in inglese ‘Press Tv.’

“‘La presenza di forze statunitensi ed israeliane lungo la frontiera è la ragione per i movimenti militari dell’Iran nella provincia’, ha spiegato Moini.”

Giugno 17:

“(AFP).-  I dirigenti dell’Unione Europea (UE) hanno deciso giovedì d’imporre all’Iran sanzioni più severe di quelle convenute dalle Nazioni Unite per il suo programma nucleare, mirando contro il settore nazionale chiave del gas ed il petrolio, quello che ha irritato la Russia.”

“(DPA).- La Russia ha criticato oggi duramente due ampliamenti delle sanzioni contro l’Iran, convenuti dagli Stati Uniti e l’Unione Europea.

“‘Siamo profondamente delusi perché né gli Stati Uniti né l’Unione Europea hanno seguito la nostra petizione di rinunciare a determinate misure.’

“(AFP).- L’Iran è capace di lanciare un attacco contro l’Europa mediante ‘decine o perfino centinaia’ di missili, quindi gli Stati Uniti hanno rivisto il loro sistema di difesa antimissili, ha affermato questo giovedì il segretario statunitense della Difesa, Robert Gates.”

Giugno 18:

“(REUTERS).- L’Iran ha qualificato venerdì le sanzioni delle Nazioni Unite contro il suo programma nucleare come ‘illegali’ e ha incolpato gli Stati Uniti, il principale difensore delle misure, della diffusione delle armi atomiche in tutto il mondo.”

Giugno 20:

“(EFE).- Il segretario di Difesa degli Stati Uniti, Robert Gates, ha detto oggi che le nuove sanzioni contro l’Iran hanno una ‘possibilità ragionevole’ di funzionare e d’obbligare il governo di Teheran a mettere fine al suo programma nucleare.”

“(AP).- Un inviato speciale degli Stati Uniti ha avvertito domenica il governo di Pakistan d’astenersi di concludere un accordo per un gasdotto firmato di recente con l’Iran, perché potrebbe scatenare nuove sanzioni che il Congresso sta abbozzando.”

Il seguito domani.

Fidel Castro Ruz
27 Agosto 2010
18.12 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*