Fidel riflessioni »

IL GOVERNO MONDIALE (PRIMA PARTE)

Nella recente Riflessione di due giorni fa, il 15 agosto, commentando un articolo del giornalista cubano Randy Alonso, che dirige il programma della televisione nazionale “Mesa Redonda”, ho scritto di una riunione sostenuta presso l’hotel Dolce di Barcellona riguardante quello che lui chiama il Governo Mondiale:  “… giornalisti onesti stavano seguendo come lui le notizie che riuscivano a filtrare dallo strano incontro. Qualcuno molto più informato di loro stava seguendo la pista di quegli eventi da molti anni.”  

Mi riferivo allo scrittore Daniel Estulin; mi aspettavano 475 pagine di 20 righe per una revisione della fantastica storia narrata dal citato autore, se qualcuno dei partecipanti a quella riunione fosse stato capace di negare la propria presenza oppure la propria partecipazione a ciò che racconta il suo libro.  

In questa Riflessione, che dividerò in due parti perché non risulti troppo lunga, non rimane altro che inserire una serie di paragrafi che ho scelto per dare un’idea del favoloso libro intitolato  “I segreti del Club Bilderberg”. In questo libro Estulin fa a pezzi i grandi guru:  

Henry Kissinger, George Osborne, i dirigenti di Goldman Sachs, Robert Zoellic, Dominique Strauss-Kahn, Pascal Lamy, Jean Claude Trichet, Ana Patricia Botín, i presidenti della Coca Cola, di France Telecom, di Telefónica de España, Suez, Siemens, Shell, British Petroleum, ed altri simili politici e magnati della finanza.  

Estulin inizia dalle radici:  

“‘Per due domeniche di seguito, una cosa senza precedenti, nel programma di Ed Sullivan – racconta Donald Phau in The Satanic Roots of Rock -, oltre  settantacinque milioni di statunitensi videro come i Beatles agitavano la testa e muovevano lo scheletro in un rituale che sarebbe stato in breve copiato da centinaia di futuri gruppi rock’. ”

“L’uomo incaricato che agli statunitensi ‘piacessero’ i Beatles fu lo stesso Walter Lippmann. I Beatles, il gruppo più parodiato e con più versioni nella storia della musica, furono presentati al pubblico nordamericano perché fossero scoperti.”  

“Entra Theo Adorno”, è il titolo di una delle epigrafi iniziali.  

“La responsabilità di elaborare una teoria sociale del rock and roll ricadde sul sociologo, musicologo e compositore tedesco Theodor Adorno, ‘uno dei principali filosofi dell’Istituto per la Ricerca Sociale di Francoforte ‘… Adorno fu inviato negli Stati Uniti nel 1939 per dirigere il Progetto di Ricerca della Radio di Princetown, un sforzo congiunto  del Tavistock e della Scuola di Francoforte con l’obiettivo di controllare le masse, finanziato dalla Fondazione Rockefeller e fondato da uno degli uomini di fiducia di David Rockefeller, Hadley Cantril”…  

“Di fatto, i nazisti avevano utilizzato intensivamente la propaganda radiofonica come strumento di lavaggio del cervello e l’avevano trasformata in un elemento integrale dello Stato fascista. Questo fatto fu osservato e studiato dalle reti del Tavistock ed utilizzato intensivamente nei loro esperimenti. L’obiettivo di questo progetto, come è spiegato dallo stesso Adorno in Introduzione alla sociologia della musica, era “programmare una cultura ‘musicale’ di massa come forma di controllo sociale massiccio…”  

“‘Le stazioni radio si trasformarono in macchine che riciclavano per ventiquattro ore al giorno i quaranta maggiori successi’. ”  

“I Beatles arrivarono negli Stati Uniti nel febbraio del 1964, quando il movimento a favore dei diritti civili si trovava al suo apogeo. Il paese era immerso in un profondo trauma nazionale e si stava riprendendo dal brutale assassinio del presidente John F. Kennedy [...] per le strade della capitale il movimento per i diritti civili, diretto dal dottor Martín Luther King, convocò una manifestazione a cui assistette oltre mezzo milione di persone.”  

“Tra il 1964 ed il 1966, la cosiddetta invasione britannica rappresentò il boom di una serie di cantanti e gruppi rock inglesi che diventarono popolari negli Stati Uniti e presero d’assedio la cultura nordamericana. [...] verso la fine del 1964 fu dimostrato che questa ‘invasione inglese’ era stata pianificata e coordinata molto bene.  

“‘Questi gruppi appena creati ed il loro stile di vita si trasformarono in un nuovo ‘tipo’ (il gergo del Tavistock) molto visibile’ e non passò molto tempo che i nuovi stili (modo di vestire, pettinatura ed uso del linguaggio)  trascinassero milioni di giovani nordamericani verso il nuovo culto. La gioventù degli Stati Uniti subì una radicale rivoluzione senza nemmeno esserne cosciente [...] reagendo in una maniera sbagliata alle manifestazioni di quella crisi, che erano le droghe di ogni tipo, innanzitutto la marijuana e poi l’acido lisergico (LSD), una droga potente che alterava lo stato della coscienza.’ [...] si può essere certi che nel quartiere generale dell’MI6 a Londra e nella base della CIA di Langley, in Virginia, l’intelligence britannica e la sua filiale, l’Ufficio dei Servizi Strategici statunitense, furono direttamente implicate in un’indagine segreta per controllare la condotta umana. Allen Dulles, direttore della CIA nel momento in cui l’agenzia iniziò il progetto MK-Ultra, era il capo della OSS di Berna (Svizzera) durante la prima fase dell’indagine di Sandoz.”  

“… negli Stati Uniti ed in Europa, furono utilizzati i grandi concerti rock all’aperto per frenare il crescente scontento della popolazione.”  

“L’offensiva intrapresa per Bilderberg-Tavistock portò un’intera  generazione verso i mattoncini gialli del LSD e la marijuana…”  

“Entra Aldous Huxley  

“Il sommo sacerdote della guerra dell’oppio inglese fu Aldous Huxley, nipote di Thomas H. Huxley, fondatore del gruppo della Tavola Rotonda di Rodi, famoso ed eloquente biologo che aiutò Charles Darwin a sviluppare la teoria dall’evoluzione.”  

“Toynbee, educato ad Oxford [...] prese parte come delegato britannico alla Conferenza di Pace di Parigi del 1919′…”  

“Il suo tutore ad Oxford fu H. G. Wells, direttore dell’intelligence britannica durante la Prima Guerra Mondiale e padre spirituale della Cospirazione dell’Acquario. Aldous Huxley fu uno degli iniziati dei Figli del Sole, un culto dionisiaco a cui partecipavano i figli dell’elite della Tavola Rotonda britannica.’ Il suo romanzo più famoso, Il mondo nuovo, è una bozza (incaricato da vari congressi mondiali) per un futuro autentico mondo socialista retto da un governo unico o, come disse ed usò come titolo per uno dei suoi popolari romanzi il suo mentore fabiano H. G. Wells, una bozza per Il Nuovo Ordine Mondiale…”  

“In Il mondo nuovo, Huxley si incentrò nel metodo scientifico per mantenere tutte le popolazioni esterne all’elite minoritaria in un stato di quasi permanente sottomissione ed innamorate delle loro catene. I principali strumenti per ottenerlo erano dei vaccini che alteravano le funzioni del cervello e medicine che la popolazione era obbligata dalla Stato a consumare. Secondo Wells, questa non era una cospirazione, bensì ‘un cervello mondiale che lavorava come polizia della mente’.”  

“Nel 1937, Huxley si trasferì in California, dove lavorò come sceneggiatore per la MGM, la Warner Brothers e la Walt Disney grazie ad uno dei suoi contatti a Los Angeles: Jacob Zeitlin.” [...] ‘Bugsy Siegel, il capo dell’organizzazione mafiosa di Lansky nella Costa Ovest, intratteneva stretti legami con la Warner Brothers e la MGM’.  

“Di fatto l’industria dello spettacolo – produzione, distribuzione, marketing e pubblicità – è sotto il controllo di una mafia che nasce dall’unione del crimine organizzato con truffatori d’alto livello di Wall Street, che in ultima istanza sono controllati dall’onnipotente Bilderberg. L’industria dello spettacolo è progettata come qualsiasi altra ‘linea commerciale’ del Bilderberg e dei suoi seguaci.”  

“Il lavoro di Huxley   

“Nel 1954, Huxley pubblicò un influente studio dell’espansione della coscienza mediante l’uso di mescalina, intitolato Le porte della percezione (1954), il primo manifesto della cultura delle droghe psichedeliche.”  

“Nel 1958 riunì una serie di saggi che aveva scritto per il Newsday e li pubblicò con il titolo di Ritorno al mondo nuovo, in cui descriveva una società nella quale ‘il primo obiettivo dei governanti è evitare ad ogni costo che i loro governati creino problemi’.”  

“Predisse che le democrazie cambieranno la loro essenza: le vecchie e strane tradizioni – elezioni, parlamenti, corti supreme – rimarranno, però il substrato che avranno sarà quello del totalitarismo non violento. [...] Nel frattempo, l’oligarchia dirigente e la sua ben preparata elite di soldati, poliziotti, fabbricanti di pensiero e manipolatori di menti dirigeranno tranquillamente il mondo a loro piacimento. In effetti, questa descrizione di Huxley s’adatta perfettamente alla situazione attuale.”  

“Nel settembre di 1960 Huxley fu nominato professore invitato del Centennial Carnegie del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. Rimase lì solo un semestre, dopo di che fu dimesso. ‘Mentre si trovava in quella città, Huxley creò un circolo ad Harvard… ‘.  

“Il tema pubblico di quel circolo o seminario di Harvard fu la religione ed il suo significato nel mondo moderno. [...] Michael Minnicino, in un articolo pubblicato sulla rivista The Campaigner  nell’aprile del 1974, afferma: ‘Huxley, durante il suo periodo ad Harvard, entrò contatto con il presidente di Sandoz, che a sua volta svolgeva un incarico per la CIA nella produzione di grandi quantità di LSD e psilocibina (un’altra droga sintetica allucinogena) per MK-Ultra, l’esperimento ufficiale della CIA nella guerra chimica’, un esperimento che utilizzò esseri umani come cavie per le sue prove, spesso letali, e che in diverse occasioni implicava l’uso dell’LSD. [...] L’Università McGill di Montreal, in Canada, un’istituzione educativa superiore legata al Bilderberg, negli anni 60 realizzò inoltre esperimenti all’interno del programma MK-Ultra sotto gli auspici di un fascista degenerato del Tavistock, John Rees, utilizzando come soggetti bambini degli orfanotrofi locali, che torturavano ed ai quali successivamente somministravano diverse dosi di LSD. [...] In base a documenti recentemente declassificati dalla CIA (grazie alla Legge sulla Libertà d’Informazione), Allen Dulles (a  quei tempi direttore della CIA) comprò oltre cento milioni di dosi di LSD, ‘molte delle quali finirono per le strade degli Stati Uniti alla fine degli anni 60, come afferma Minnicino nell’articolo precedentemente citato.”  

“‘… Migliaia di studenti universitari servirono da cavie. Questi [gli studenti] incominciarono subito a sintetizzare i loro ?acidi’.”  

“‘… la stragrande maggioranza di coloro che manifestavano contro la guerra aderirono al Studentes for a Democratic Society per l’oltraggio provocato dalla situazione in Vietnam. Una volta però presi dall’atmosfera creata dagli esperti in guerra psicologica dell’Istituto Tavistock ed inondati dal messaggio che l’edonismo e la difesa del paese erano un’alternativa legittima alla guerra ‘immorale’, la loro scala di valori ed il loro potenziale creativo svanirono in una nuvola di hascisc’, scrive l’autore nella monografia segnalata in precedenza.”  

“Creando la controcultura   

“La ‘guerra’ culturale aperta, anche se non dichiarata, contro la gioventù nordamericana incominciò in realtà nel 1967, quando il Bilderberg, per ottenere i suoi obiettivi, cominciò ad organizzare  concerti all’aperto. Mediante quest’arma segreta, riuscirono ad attrarre oltre quattro milioni di giovani ai cosiddetti ‘festival’. Senza saperlo, i giovani si trasformarono in vittime di un esperimento perfettamente pianificato con droga su grande scala. In questi concerti, le droghe allucinogene [...] di cui i Beatles propugnavano il consumo [...] erano distribuite liberamente. Non sarebbe strascorso molto tempo da quando gli oltre cinquanta milioni di partecipanti (allora tra 10 e 25 anni ), sarebbero ritornati a casa trasformati in messaggeri e promotori della nuova cultura della droga o di quella che alla fine abbiamo conosciuto come ‘New Age’.  

“Il maggiore concerto all’aperto di tutti i tempi, il ‘Woodstock Music and Art Fair’, fu definito dalla  rivista Time come un ‘Festival dell’Acquario’ e ‘il più grande spettacolo della storia’. Woodstock si trasformò in parte del lessico culturale di tutta una generazione.”  

“‘A Woodstock – scrive il giornalista Donald Phau -, quasi mezzo milione di giovani si riunirono per farsi drogare e farsi lavare il cervello in una fattoria. Le vittime erano isolate, circondate d’immondizia, strapiene di droghe psichedeliche e tenute sveglie per tre giorni consecutivi, tutto con la piena complicità dell’FBI e dell’alte cariche del governo. La security del concerto diede il suo apporto con una comunità hippy addestrata nella distribuzione massiccia di LSD. Erano state nuovamente le reti dell’intelligence militare britannica a dare il via a tutto’, con l’aiuto della CIA, attraverso il suo ex direttore William Casey ed i suoi legami con Sefton Delmer dell’MI6,  il cui contatto Bruce Lockhardt era stato l’agente di controllo dell’MI6 di Lenin e Trotskij durante la rivoluzione bolscevica.”  

“Doveva passare ancora un altro decennio prima che la controcultura s’integrasse nel lessico nordamericano. Però i semi di quello che era un progetto titanico e segreto per raggirare i valori degli Stati Uniti furono seminati allora. Sesso, droga e rock and roll, grandi manifestazioni in tutta la nazione, hippy, drogati che abbandonavano gli studi, la presidenza di Nixon e la guerra del Vietnam stavano lacerando la fibra stessa della società nordamericana. Il vecchio ed il nuovo si scontravano senza che nessuno fosse cosciente che quel conflitto faceva parte di un piano sociale segreto, progettato da alcune delle persone più brillanti e diaboliche del mondo…”  

“La Cospirazione dell’Acquario   

“‘Nella primavera del 1980 – scrive Lyndon LaRouche in DOPE INC. – diventò famoso un libro intitolato The Aquarian Conspiracy (vendette oltre un milione di esemplari e fu tradotto in dieci lingue),  che si trasformò di punto in bianco in un manifesto della controcultura.’ [...] The Aquarian Conspiracy affermava che era giunta l’ora che i quindici milioni di statunitensi che avevano preso parte alla controcultura s’unissero per provocare un cambiamento radicale negli Stati Uniti. Di fatto, questo libro fu la prima pubblicazione diretta al grande pubblico che scommetteva sul concetto del lavoro d’equipe, un concetto che era considerato tra i più virtuosi e fu rapidamente sostenuto dai “guru” del management.”  

“L’autrice Marilyn Ferguson afferma: ‘Mentre stavo ancora abbozzando un libro senza titolo sulle nuove alternative sociali emergenti, pensai alla particolare forma di questo movimento, alla sua leadership atipica, sulla paziente intensità dei suoi seguaci, sui suoi improbabili successi… ‘.”  

“In una conferenza del 1961, Aldous Huxley descrisse questo stato poliziesco come ‘la rivoluzione finale’: una ‘dittatura senza lacrime’ in cui la gente ‘ama le sue catene’.”  

“Zbigniew Brzezinski, consigliere della Sicurezza Nazionale del presidente Carter, fondatore del Comitato Trilaterale e membro di Bilderberg e del CFR, esprime delle idee  identiche nella sua appassionante opera Between Two Ages: America’s Role in the Technotronic Era, scritta con gli auspici dell’Istituto di Ricerca sul Comunismo dell’Università della Columbia e pubblicato da Viking Press nel 1970.  

“Senza utilizzare la repressione violenta, progettarono un insieme congiunto di azioni per ottenere un ‘cittadino pacifico’ per il Nuovo Ordine Mondiale. [...] Sostennero inoltre nuovi concetti come ‘Intelligenza Emozionale’ che è la capacità d’amare se stessi e di rapportarsi adeguatamente con gli altri. [...] Una terza via per trasformare questo ‘cittadino industriale’ in un ‘cittadino pacifico’ è una grande campagna di marketing per conferire un immenso riconoscimento sociale a chi collabora con le ONG, come ho spiegato nel mio primo libro La vera storia del Club Bilderberg.”  

Secondo Harmon:  

“‘Una volta ammorbiditi, [gli Stati Uniti] erano ormai maturi per l’introduzione delle droghe (specialmente cocaina, crack ed eroina) e l’inizio di un’epoca che avrebbe rivaleggiato con il proibizionismo, con le enormi somme di denaro che avrebbero iniziato ad essere accumulate.  

“Vale la pena menzionare che estesi frammenti delle tremila pagine di ‘consigli’ forniti all’appena l’eletto Ronald Reagan nel gennaio del 1981 dal CFR, si basarono sul materiale preso dal rapporto ‘Cambiare l’immagine dell’uomo’ di Willis Harmon.  

“L’8 dicembre 1980, con la luna piena, John Lennon fu assassinato da un uomo chiamato Mark Chapman. È poco probabile che un giorno scopriremo che Mark Chapman fu vittima di una psicosi modello indotta artificialmente, un assassino in stile “va e uccidi”, inviato dal Tavistock, dalla CIA e dall’MI6 per zittire un Lennon che si dimostrava sempre più difficile da controllare.”  

“CAPITOLO 2  

“La macchina perfetta per il lavaggio del cervello: la MTV”  

“Entra MTV, la televisione della musica   

“MTV, un canale di mercato di musica popolare rock e videoclip, inventata e diretta da Robert Pittman per il pubblico adolescente e giovane, fu fondata  il 1° agosto 1981. Oggi fa parte dell’impero Viacom (conosciuto come CBS Corporation, il cui presidente e direttore generale, Sumner Redstone, è membro del CFR ed il cui gruppo mediatico forma parte del Club Bilderberg). Per arrivare ai giovani senza che la società si rendesse conto dell’inganno, fu necessario ‘disporre di una contro-istituzione che predicasse valori contrari ai valori dominanti nella società’. È ciò che precisamente fa MTV. ‘Ma perché tale sforzo abbia successo – dice L. Wolfe -, si deve neutralizzare l’influenza positiva dei genitori e della scuola o, almeno, debilitarne l’influenza.’  

“‘Il modello per questo [la MTV] furono gli spettacoli teatrali offerti dal pre-nazista Richard Wagner, nei quali il pubblico era portato ad una specie d’estasi, sistema che successivamente fu usato coscientemente dai nazisti quando crearono le loro celebrazioni simboliche, come le riunioni di Norimberga.’ Gli specialisti del lavaggio del cervello che crearono la MTV erano molto coscienti del suo effetto. In un libro sulla catena televisiva, Rocking Around the Clock, E. Ann Kaplan afferma che la MTV ‘ipnotizza più di qualsiasi altra [televisione] perché consiste in una serie di testi brevi che ci mantengono in un stato costante d’emozione e d’attesa… rimaniamo afferrati alla costante speranza che il video successivo alla fine ci soddisferà. Sedotti dalla promessa della pienezza immediata continuiamo a consumare infinitamente quei brevi testi’.”  

“Durante i circa quattro minuti di durata del video musicale (gli scienziati del Tavistock determinarono che quattro minuti era il tempo massimo in cui un soggetto involontario era suscettibile alla ricezione di messaggi contenuti nei programmi) ‘una realtà artificiale in forma di ‘contrappunti’ s’ inserisce nella coscienza, sostituendo la realtà cognitiva… ‘.”  

“‘Se la gente pensasse a questo processo – scrive Walter Lippmann -, potrebbe succedere che [questo] terminerebbe’, però conclude, ‘la massa di analfabeti, di deboli mentali, di nevrotici profondi, d’individui denutriti e frustrati è così considerevole che ci sono motivi per credere a molto di più di ciò a cui generalmente crediamo. Poiché [il processo] è alla portata di persone che mentalmente sono dei bambini o dei barbari, le cui vite sono una confusione totale, scelgono contenuti semplici con una grande attrattiva popolare… ‘. [...] In Crystallizing Public Opinión, Edward Bernays affermò che “il cittadino medio è il censore più efficace del mondo. La sua stessa mente è la più grande barriera che lo separa dai fatti.”  

“Lo spettatore che subisce il lavaggio del cervello ha solo l’illusione di conservare la capacità di scegliere, come un drogato crede di controllare la sua assuefazione, mentre invece è questa che lo controlla. ‘La MTV – dice Ann Kaplan – è disegnata in base ad una conoscenza sempre maggiore dei metodi di manipolazione psicologica.’ [...] La media del consumo televisivo giornaliero è cresciuto costantemente dalla nascita della televisione, così a metà degli anni 70 era l’attività giornaliera a cui si dedicava più tempo dopo il sonno ed il lavoro, con quasi sei ore al giorno. D’allora, con la comparsa dei videoregistratori e dei videoriproduttori è aumentata molto di più. I bambini in età scolastica trascorrevano quasi lo stesso tempo vedendo la televisione di quello dedicato a dormire.”  

“‘Nella terminologia del lavaggio del cervello freudiano – afferma Emery – lo spettatore di un video musicale si trova in un stato indotto molto simile al sonno. L’aiuta, o l’induce ad entrare in quello stato, l’apparizione ripetitiva di colori ed immagini brillanti che opprimono la vista, mentre il ritmo pulsante e vibrante del rock ha un effetto simile nell’udito.’ Non ci troviamo solo in un’epoca della televisione, ma anche in un’epoca condizionata dalla televisione – ed è un’epoca d’inquietudine, di scontento, di frustrazione, diretta da nessuna parte o da molte parti contemporaneamente -, come è logico in un ambiente in cui [la televisione] è onnipresente.”  

“Le sinistre combriccole e gli intriganti del Bilderberg, le sfere clandestine di influenza e manipolazione cosciente ed intelligente delle abitudini organizzate sono la più recente espressione di una campagna di manipolazione più profonda per istituire un governo mondiale senza limiti che non risponda a nessuno, se non a se stesso.”  

“… i principali successi venduti a volontà ad una popolazione demoralizzata, favorevole al fondamentalismo fanatico di un gruppo di uomini che non rispondono a nessuno e che sono alla ricerca del potere assoluto al prezzo della dignità dell’uomo moderno, denigrato, umiliato e disprezzato dai poteri combinati dell’apparato di manipolazione e del lavaggio del cervello di Bilderberg-CFR-Tavistock con il suo gruppo di scienziati, psicologi, sociologi e scienziati della nuova scienza (New Age, misticismo, eccetera), antropologi e fascisti decisi a ricreare un nuovo Impero romano.  

“Per primi iniziarono Edward Berneys e Walter Lippmann. Dopo, Gallup e Yankelovich. Più tardi, Rees e Adorno, Aldous Huxley e H. G. Wells, Emery e Trist, seguiti dalla cultura della droga e dalla Cospirazione dell’Acquario, un supposto ideale ‘umanista’ a beneficio della vecchia cultura, punteggiato da un pizzico di libertà umana, il contrario di ciò che è realmente: una maniera intelligente di degradare le persone fino a trasformarle in meri animali da fattoria, negando loro l’originalità della coscienza umana, che si capiscono subito dappertutto, senza necessità di traduzione.”  

“La Nuova Età sarà una nuova Età Buia. Significherà la morte prematura di poco più della metà della popolazione ed il deliberato oblio dei maggiori successi dell’umanità. Questa è l’ideologia totalitaria che propugna il Nuovo Ordine Mondiale, deciso a governare il mondo anche se fosse sopra i nostri cadaveri. [...] Perché vale la pena difendere la nostra civilizzazione? Perché è un regime basato sulla libertà migliore delle tirannie che oggi opprimono una buona parte del pianeta? Per alcuni le risposte a queste domande sono evidenti, ma per molti no.”

“CAPITOLO 3

“Come e perché il Bilderberg organizzò la guerra in Cossovo

“Questa volta era il turno dei Balcani. Il ?piano maestro’ fu concepito durante la riunione sostenuta dai membri del Club Bilderberg a King City nel 1996, una piccola zona di lusso ubicata a circa 20 chilometri dalla città canadese di Toronto. [...] le guerre dei membri del Bilderberg in Cossovo e nei Balcani hanno avuto un motivo concreto: stupefacenti, petrolio, ricchi minerali ed i progressi della causa del ?governo globale’.”

“Gli Stati Uniti e la Germania iniziarono a sostenere le forze secessioniste in Iugoslavia dopo la caduta del comunismo nell’ex Unione Sovietica, quando la Federazione Iugoslava rifiutò d’essere assimilata nell’orbita occidentale. John Pilger, un insigne giornalista australiano che si dedica all’indagine dei conflitti bellici, ha scritto sul The New Statesman: ?Milosevic era un bruto; però era anche un banchiere che un tempo fu considerato un alleato dell’Occidente pronto a realizzare ‘riforme economiche’ in base alle esigenze del FMI, della Banca Mondiale e dell’Unione Europea; per sua disgrazia, si rifiutò di cedere la sovranità. L’impero non aspettava altro.’ Secondo l’articolo di Neil Clark, un giornalista specialista in questioni mediorientali e dei Balcani, ?in quel momento, oltre 700.000 imprese iugoslave erano proprietà collettive e la maggioranza era controllata ancora dai comitati misti di dirigenti e lavoratori, con il  5 % di capitale in mano ai privati’.”

“Sara Flounders, un’attivista e giornalista vicina al Partito Mondiale dei Lavoratori, un movimento pacifista internazionale, ha scritto in un articolo: ?…le condizioni di credito del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale richiedono la disintegrazione di tutte le industrie pubbliche. È il caso del petrolio e del gas naturale del Caucaso e del Mar Caspio, nonché delle miniere di diamanti della Siberia. Chi possiede o ha un interesse dominante [...] sarà colui che desidera che vinca la lotta armata in Cossovo. L’egemonia sul territorio da parte della NATO permetterà alle ditte statunitensi di trovarsi nella migliore posizione rispetto alla proprietà di quelle risorse’.”

“All’inizio, i membri del Bilderberg, cercarono di “provocare” i serbi perseguendo i criminali di guerra che loro ospitavano, portandoli in giudizio davanti ad un nuovo Tribunale Internazionale. I serbi, orgogliosi ed esperti, schivarono questa provocazione persuadendo i sospettati di minore livello a consegnarsi volontariamente. Però questo non era sufficiente. Per far infuriare i serbi, il Tribunale dell’Aia, controllato dagli Stati Uniti, fece ricorso ai sequestri illegali per incitare alla guerra.”

“Ciò spiegherebbe tra l’altro perché Richard Holbrooke, ambasciatore statunitense alle Nazioni Uniti dal 1999 al 2001, membro del Bilderberg e del CFR, oltre ad essere stato candidato sei volte al Premio Nobel per la Pace, ha inserito una clausola sul Cossovo nell’accordo finale. Cosa c’entra il Cossovo con la Bosnia? Nulla. Però l’idea di Holbrooke era trasformare la Bosnia in una prova della futura espansione del Bilderberg nei Balcani.”

“Alla ricerca di una scusa: entra in scena William Walker”

“…come spiega John Laughland nel suo articolo ?La tecnica di un colpo di Stato’, William Walker, membro del CFR ed ?ex ambasciatore nel Salvador, il cui governo, sostenuto dagli Stati Uniti, creò gli squadroni della morte’. Nel 1985, Walker era aiutante del vicesegretario di Stato per l’America Centrale ed una pedina chiave nei tentativi della Casa Bianca di Reagan per abbattere il governo nicaraguense. Il tenente colonnello Oliver North, assegnato al Consiglio Nazionale di Sicurezza all’inizio del 1981 e dimesso il 25 novembre 1986, era il funzionario dell’Amministrazione Reagan maggiormente implicato nel sostegno segreto ai contras grazie ai profitti della vendita d’armi all’Iran.”

“In base al fascicolo giudiziario, Walker fu il responsabile della creazione di una falsa operazione umanitaria in una base aerea di Ilopango, nel Salvador, usata in segreto per fornire armi, munizioni e provviste ai mercenari contras che stavano attaccando il Nicaragua.”

“Walker, che aveva consegnato armi ai contras in Nicaragua e adesso era diventato un osservatore di pace, ha dichiarato con grande clamore alla stampa mondiale che la polizia serba era colpevole del ?più orribile’ macello che avesse mai visto. I serbi, che fino ad allora avevano evitato abilmente le provocazioni della NATO e del Bilderberg, c’erano cascati. Il supposto ?macello’ provocò un pretesto per l’intervento. Il 30 gennaio, il Consiglio della NATO autorizzò il bombardamento. Il Bilderberg ordinò al suo segretario generale, Javier Solana, di ?utilizzare la forza armata per obbligare i delegati serbi e d’etnia albanese a parlare durante i negoziati di ?pace’ in Francia dell”autonomia’ del Cossovo’.”

“Il 4 agosto, un articolo del Washington Post citava ?un alto funzionario del Dipartimento di Difesa statunitense indicando che soltanto una cosa avrebbe potuto provocare un cambio di politica: ‘Penso che si se raggiungessero certi livelli d’atrocità che risultassero inaccettabili, questo sarebbe probabilmente un  detonante”.”

“Come utile riferimento storico, bisogna ricordare che i serbi furono vittime del peggiore atto di pulizia etnica, con gli oltre 200.000 serbi eliminati nella regione croata della Krajina durante l?operazione “Tormenta” sostenuta dagli Stati Uniti nel 1995 o con gli oltre 100.000 serbi eliminati in Cossovo dall’ELK al termine del bombardamento della NATO. Non c’è bisogno di dire che il Tribunale dell’Aia, il meccanismo della giustizia del Nuovo Ordine Mondiale, non ha fatto niente per portare gli autori di questa atrocità dinnanzi alla giustizia.”

“?Dovrebbero saperlo, perché altrimenti cosa indurrebbe la Corona a mantenere un esercito in quella regione in cui non si trovava nulla di valore tranne il lucrativo commercio dell’oppio? Era troppo caro mantenere uomini armati in un paese così lontano. Sua maestà deve aver domandato perché quelle unità militari si trovavano lì’, si chiede il dottor John Coleman in Conspirator’s Hierarchy: The Story of the Committee of 300.”

Segue l’epigrafe:

“Storia dell’implicazione degli Stati Uniti nel narcotraffico

“A differenza di quello che per anni ci hanno raccontato i libri di storia, il nefasto narcotraffico non è territorio esclusivo del ceto criminale, a meno che come ceto criminale non intendiamo alcune delle famiglie più importanti della storia degli Stati Uniti, conosciute come lo establishment liberale dell’Est, i cui membri dirigono quel paese in maniera oligarchica attraverso un sistema di governo parallelo conosciuto come il Club Bilderberg…”

“Il Cossovo e l’eroina

“Due giornalisti, Roger Boyes ed Eske Wright, in un articolo pubblicato il 24 marzo 1999 dal giornale The Times di Londra affermano che ?l’Albania ?che svolge un ruolo fondamentale nel trasferimento di denaro ai kosovari ? si trova nell’epicentro del traffico di droga europeo…’.”

“L’Albania si è trasformata nella capitale europea del crimine. I gruppi più forti del paese sono criminali organizzati che usano l’Albania per coltivare, processare ed immagazzinare una grande percentuale delle droghe illegali destinate all’Europa Occidentale…”

Prosegue domani.  

Fidel Castro Ruz
17 Agosto 2010
6 e 20 p.m.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*