Notizie »

Contro la negligenza vescovile

Il Papa Francesco ha decretato l’espulsione di quei vescovi che mostrino un comportamento negligente, in relazione con i casi di abusi sessuali verso minorenni o adulti vulnerabili. La Santa Sede pubblicò oggi il “motu proprio” (documento papale) “Come una madre amorosa” col quale si riformano gli articoli del Codice di Diritto Canonico nei quali si stipula la possibilità di espellere un prete per “cause gravi”. (Fonte: agenzia EFE)  

Il Pontefice della chiesa di Roma fa un altro passo, per il momento di alto valore simbolico, sottomesso poi all’applicazione pratica, per misurare la sua vera portata concreta. Questo nuovo atto segue un’esortazione agli inizi di febbraio di adottare una posizione di “tolleranza zero” e sollecitò al clero di denunciare gli abusi sessuali contro minorenni.  

Tuttavia, alcuni membri laici della Commissione Pontificia per la Protezione dei Minorenni, creata dal Papa, per trattare la pederastia dentro la Chiesa segnalano come contraddittorio che secondo una nuova guida del Vaticano, i vescovi “non sono obbligati” a denunciare gli abusi contro minorenni, fatto che si lascia solo nelle mani delle vittime.

Comprensibilmente queste ultime, chiedono misure di giustizia energiche contro il loro identificato “carnefice”, ma la cosiddetta Commissione, installata nella Santa Sede, d’accordo coi suoi portavoci, non si dedica a risolvere casi specifici, “bensì a cercare una forma istituzionale di proteggere i minorenni”, di fronte ai prossimi casi.

A giudicare da quanto esposto nei film Sportlight, vincitore dell’Oscar 2016, ed il cileno “Il bosco di Karadima”, esibita nel Festival del Nuovo Cinema Latinoamericano de L’Avana, il cui contenuto non è stato negato da nessuna autorità ecclesiastica, gli episcopati di Boston e Santiago del Cile, hanno protetto sacerdoti scoperti come violentatori accertati.

Sarà sufficiente la volontà manifestata dal Papa in favore di una ferma vigilanza dei gerarchi della chiesa cattolica nei loro paesi rispettivi, per rinchiudere quelli che tanto hanno danneggiato l’immagine dell’istituzione religiosa?

di Hugo Rios

da Cubadebate

traduzione di Ida Garberi

foto di www.cronicaviva.com.pe

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*