Notizie »

La povertà in America sarà tema centrale in vertice “alternativo” in Panama

Anche i movimenti sociali e sindacali dei paesi partecipanti nel VII Vertice delle Americhe, avranno in Panama lo spazio per dibattere sulla povertà che soffrono i loro popoli. Si tratta di una riunione alternativa che propone analizzare differenti problematiche della regione ed emettere un documento al riguardo.  

Il Vertice dei Popoli, Sindacale e dei Movimenti Sociali della Nostra America sarà quasi parallelo al summit continentale dei capi di stato ed avrà luogo nell’Aula Magna dell’Università statale del Panama, nella capitale panamense, il 9 ed il 10 aprile prossimo. Inoltre, conterà sulla presenza del presidente della Bolivia, Evo Morales.

Sotto lo slogan “America Latina, una patria per tutti, in pace, solidale e con giustizia sociale”, l’appuntamento “alternativo” è organizzato dai Movimenti dell’Alleanza Bolivariana per le Americhe (Alba) ed un Comitato panamense, ha detto uno dei membri di questo ultimo, il professore universitario Fernando Cebamanos.

D’accordo con gli organizzatori, rappresentanti sindacali di Cuba, Venezuela, Messico, Porto Rico e di paesi centroamericani, oltre a gruppi americani affiliati alla Federazione Sindacale Mondiale hanno confermato la loro partecipazione.

“Il Vertice dei Popoli farà una messa a fuoco dell’urgente necessità di risolvere i problemi che colpiscono i settori popolari e che sono stati nella nostra agenda come organizzazioni patrocinatrici di queste esigenze” ha detto Cebamanos.

L’idea è che i partecipanti espongano in conferenze ed in 15 tavoli di lavoro la realtà del loro paese in quanto ad esclusione sociale, disuguaglianza, commercio equo, educazione, tra gli altri temi. Queste osservazioni ed esigenze saranno raccolte in un documento che si darà ai distinti governi partecipanti nel Vertice del Panama.

I temi del Vertice dei Popoli, non sono trattati nel Vertice delle Americhe che è centrato in temi politici globali e cerca un accordo tra governi che non prendono in considerazione la realtà sociale di ogni paese.

Il comitato organizzatore del Vertice “alternativo” ha messo in chiaro che non pretende ostacolare né lo sviluppo del VII Vertice delle Americhe, né quello dei quattro forum ufficiali antecedenti di gioventù, società civile, imprenditori e rettori. Ha aggiunto inoltre che anche le organizzazioni sociali che partecipino ai forum ufficiali possono farlo nel Vertice dei Popoli.

Nonostante, il professore universitario Olmedo Beluche, un altro degli organizzatori, ha dichiarato che gli Stati Uniti porteranno una delegazione di più di 1.000 persone, fatto che è a suo giudizio “esagerato e sproporzionato” rispetto al resto dei paesi ed è evidente che “siamo davanti ad una manipolazione dei forum del Vertice delle Americhe.”

Beluche ha aggiunto che il Forum della Società Civile che avrà luogo dall’8 al 10 aprile prossimo nella capitale panamense, è “manipolato” dalla politica estera statunitense, poiché una commissione si arroga il “diritto di ammissione” all’appuntamento, senza che si sappia quali siano i criteri di selezione.

Con informazione di EFE

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*