Notizie »

Mujica respinge sanzioni degli Stati Uniti contro Venezuela

Il presidente dell’Uruguay, Josè Mujica, ha respinto oggi le misure imposte dagli Stati Uniti contro il Venezuela, dopo essersi riunito con la cancelliera venezuelana Delcy Rodriguez.  

Il cancelliere dell’Uruguay, Luis Almagro, ha detto in una conferenza stampa che il presidente Mujica “considera che meccanismi come sanzioni unilaterali non costituiscono uno strumento valido né a norma di legge e non sono mai serviti per fortificare il benestare dei popoli.”

Dopo la riunione, mass media regionali hanno pubblicato che l’Unione delle Nazioni Sud-Americane (Unasur) convocherà una riunione urgente di cancellieri, in data da stabilire, per definire meccanismi di mediazione tra gli Stati Uniti e Venezuela.

Almagro ha sottolineato che l’Uruguay considera che le sanzioni degli Stati Uniti contro Venezuela, che includono la possibilità di limitare i visti, “portano danni per i popoli e destabilizzano la loro democrazia e quella della regione perché la democrazia in Venezuela è uno strumento fondamentale per tutta America Latina.”

Il diplomatico ha spiegato che per il governo uruguaiano “è necessario continuare a fortificare la democrazia ed il dialogo col Venezuela.”

Inoltre, ha insistito sulla necessità che “questa stabilità tanto necessaria in Venezuela non si veda colpita da fattori esterni.”

“E’ chiaro che dobbiamo eliminare le ferite dei popoli nel nostro continente”, ha aggiunto ed ha segnalato che “tutti i temi di democrazia e diritti umani sono agende tematiche e devono cercare di essere agende positive e costruttive con i paesi.”

Rodriguez, da parte sua, ha ricordato i vincoli di cooperazione che esistono tra i due paesi da dieci anni, che sono stati creati per beneficiare entrambi i popoli e grazie all’affinità politica.

Ha aggiunto che in questo incontro il Venezuela ha offerto un dossier all’Uruguay rispetto alle minacce che gli Stati Uniti hanno lanciato contro il popolo venezuelano che “violentano i principi di diritto internazionale tra gli Stati come quello della sovranità, della non ingerenza nei temi interni e dell’autodeterminazione dei popoli.”

con informazioni di Notimex

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*