Notizie »

Rinuncia presidentessa della Comunità di Madrid, nemica di Cuba

Esperanza Aguirre

Esperanza Aguirre

La presidentessa della Comunità di Madrid, la conservatrice Esperanza Aguirre, presentò oggi le sue dimissioni dalla direzione del Governo di questa regione autonoma spagnola.

Riconosciuta dirigente del conservatore Partito Popolare (PP) che governa la Spagna dalle elezioni generali del novembre scorso, Aguirre annunciò in una conferenza stampa la sua rinuncia come mandataria regionale e deputata nell’Assemblea madrilena.

“Sono giunta alla conclusione che questo è il momento adeguato per lasciare la politica”, enfatizzò Aguirre, dopo chiarire che la sua ritirata è dalla prima linea della politica.

“Non abbandono la politica, passo in seconda fila”, rimarcò Aguirre, che ha diretto questa comunità autonoma dal 2003, dopo vincere i comizi di quell’anno, del 2007 e del 2011, in un territorio tradizionalmente amministrato dalla destra spagnola.

Alla domanda su se il suo cancro ad un seno contribuì a farle prendere questa decisione, rispose che benché sembra sia guarita, qualcosa influì in questa malattia, come altri avvenimenti personali successi recentemente, senza menzionare quali.

Ma, ha confessato, inoltre, il fatto di volere stare più vicino ai suoi cari e, soprattutto, la sua convinzione che la politica era una tappa temporanea per lei.

Rivelò che questo stesso lunedì comunicò personalmente al presidente del Governo spagnolo e leader del PP, Mariano Rajoy, la sua decisione di cedere la direzione.

Rispetto alla sua successione, Aguirre spiegò che il vicepresidente regionale, Ignacio Gonzalez, occuperà la carica in funzioni fino alla celebrazione di una nuova sessione di investitura.

A giudizio della controversa politicante, conosciuta per le sue posizioni ultraconservatrici e patrocinatrice ad oltranza del modello neoliberale, il progetto del PP nella Comunità di Madrid si è consolidato ed è la forza che appoggiano i madrileni più di ogni altra.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*