Notizie »

Scoprono cellule del feto che rimangono nell’organismo della madre per tutta la vita

Alcune cellule del feto sembrano rimanere all’interno degli organi della madre ed un gruppo di ricercatori ha identificato almeno tre tipi di tali cellule migranti, secondo un articolo pubblicato dalla rivista Biology of Reproduction’s Papers-in-Press. 

“Una gravidanza dura per sempre, perchè ogni donna che e`rimasta incinta porta dentro di sè per il resto della sua vita piccoli ricordi della gravidanza”, ha indicato Diana Bianchi, del’Università Tufts, che è la responsabile del gruppo di ricercatori.

 

La conoscenza dell’origine e dell’identità di queste cellule è vitale per comprenderne gli effetti potenziali a lungo termine per la salute della madre, secondo l’articolo.

Per esempio, sono state scoperte cellule fetali in siti di tumori delle madri, ma non si capisce se tali cellule aiutino a distruggere il tumore o ne facilitino lo sviluppo.

La squadra guidata da Bianchi nel Centro Medico Tufts, identificò tre tipi di cellule fetali nei polmoni dei topi durante la tappa finale della gravidanza.

Per effettuare lo studio gli scienziati hanno utilizzato le banche dati disponibili al pubblico al fine di estrarre l’informazione genetica rilevante con la presenza, in certi casi, di appena 80 cellule fetali.

I ricercatori hanno utilizzato una combinazione di due tecniche analitiche differenti al fine di caratterizzare le rare cellule fetali trovate in una popolazione mista di trofoblasti (le cellule della placenta che riforniscono i nutrienti al feto), cellule madre mesenchimali (che in seguito si sviluppano come cellule del tessuto adiposo  e osseo), e cellule del sistema immunitario.

Gli scienziati pensano che le cellule fetali presenti nel flusso sanguigno della madre aiutino il sistema immunitario a tollerare il feto  invece di attaccarlo.

L’articolo sostiene che la scoperta dei trofoblasti  e delle cellule del sistema immunitario nei polmoni materni dovrebbe aiutare gli studi futuri in tale settore, così come nella ricerca delle complicazioni relazionate alla gravidanza, come la preeclampsia, conosciuta  anche come tossiemia e che viene associata all’ipertensione.

Preso da www.cubadebate.cu

Traduzione di Paola Flauto

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*