Notizie »

Anonymous intercettò una conversazione dell’FBI

L’Ufficio Federale di Investigazione (FBI) confermò oggi ad Efe che il gruppo di hacker, Anonymous intercettò una chiamata tra i suoi agenti e della britannica Scotland Yard, al tempo che promise catturare i responsabili.

Anonymous rivelò oggi in Internet una tele-conferenza privata di circa 15 minuti tra agenti di entrambe le agenzie di polizia per condividere informazioni relazionate con ciber-attacchi dell’organizzazione nella quale gli ufficiali scherzano e parlano tra risate.

Secondo l’FBI, la conferenza si organizzò affinché comunicassero agenti ed investigatori della polizia ed “è stata ottenuta illegalmente”, per questo che “c’è un’investigazione in corso per identificare e catturare i responsabili.”

Fonti vicine a quell’investigazione indicarono ad Efe che il sistema informatico dell’FBI non fu vulnerato in questo incidente.

Inoltre, il movimento di Anonymous ha reso pubbliche gli e-mail tra agenti dell’FBI, Scotland Yard, l’Europol ed i poliziotti irlandesi, francesi e svedesi nelle che si trovavano per la conferenza quali prevedibilmente ebbe luogo il 17 di gennaio.
Anonymous ha instaurato i venerdì come giorno di filtrazioni relazionate coll’FBI e scherza nei suoi account di twitter sugli arrivi del “FuckFBIFriday” per pubblicare i suoi attacchi.

In uno dei suoi account della popolare rete sociale di messaggi brevi, Anonymous indicò oggi: “l’FBI deve essere curioso su come siamo stati capaci di leggere continuamente le sue comunicazioni interne durante un certo tempo.”

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*