Notizie »

Honduras: chi risponderà per gli archivi scomparsi nel Congresso di Micheletti-Saavedra?

“Il Congresso Nazionale è chi assegna i beneficiari, gli importi ed i progetti da eseguire, per questo che raccomandiamo che l’informazione sia sollecitata al Congresso Nazionale, per essere il responsabile della sua assegnazione”, segnala la direttrice amministrativa della Segreteria delle Finanze (SEFIN), Lilia Maria Bogran.

La funzionaria rispose così ad una richiesta di informazione pubblica che Revistazo.com ha fatto recentemente, sull’appoggio economico che il Congresso Nazionale assegnò a diverse organizzazioni non governative (ONG), chiese e patronati comunali, durante il periodo 2008-2010, documentazione che d’accordo ad una risoluzione dell’Istituto di Accesso all’Informazione Pubblica (IAIP), non si trova negli archivi del Potere Legislativo.

Inoltre, Revistazo.com sollecitò alla Segreteria delle Finanze, informazioni relazionate ai sussidi che il Ministero di Governo e Giustizia (oggi Segreteria degli Interni) consegnò alle ONG ed alle chiese, in questo stesso periodo, ma allo stesso modo, si informò che questa dipendenza statale non conta con i registri.

“I sussidi che concede la Segreteria degli Interni, i beneficiari e gli importi, sono assegnati da questa istituzione, che realizza i tramiti di pagamento. Entrambi i casi i pagamenti si realizzano attraverso la Tesoreria Generale della Repubblica, con dei bonifichi bancari”, riferisce la nota ufficiale, che la direttrice amministrativa inviò all’ufficiale di trasparenza della SEFIN, il passato 28 novembre.

D’accordo all’articolo 32 della Legge di Trasparenza, tutte le istituzioni dello Stato sono obbligate a conservare e custodire l’informazione pubblica captata o generata nelle loro funzioni. Nonostante, il Congresso Nazionale assicura non contare sugli archivi corrispondenti alla gestione 2008 e 2009.

Nonostante che il Consiglio Nazionale Anticorruzione (CNA) dovrebbe proteggere la corretta applicazione della legge di Trasparenza, dopo cinque anni dall’essere stato creato, non ha mai fatto nessun tipo di indagine, per investigare gli organismi che negano l’informazione pubblica.

Finché la situazione continua così, la popolazione honduregna continuerà dibattendosi nella miseria, pochi continueranno ad arricchirsi ed il paese si perpetuerà nei primi posti della corruzione.

preso da www.revistazo.com

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*