Artículos de Milano

Notizie »

Centinaia di italiani si manifestano sulle strade di Milano in appoggio a Cuba

milan-solidaridad-cuba-1-580x435

Circa 700 persone sono sfilate questo sabato nella città di Milano, con l’obiettivo di chiedere la fine del bloqueo statunitense contro Cuba e la devoluzione della Base Navale di Guantanamo. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, ha attraversato tutto il centro della città ed è terminata di fronte al Castello Sforzesco.

Notizie »

Che Guevara- Tu y Todos

centro-estudios-che-guevara-580x330

Dal 6 dicembre 2017 alla Fabbrica del Vapore si apre “Che Guevara Tu y Todos”: un percorso espositivo – ideato e realizzato da Simmetrico Cultura, prodotto da ALMA, RTV Comercial de l’Avana e il Centro Studi Che Guevara de l’Avana – per raccontare un personaggio chiave della storia del ‘900, attraverso una ricca e inedita documentazione e con il supporto dell’Università degli Studi di Milano e dell’Università IULM nella ricostruzione del contesto storico.

Notizie »

“Las palabras como armas”: compromesso rivoluzionario e costruzione identitaria, ecco l’esempio che Tony Guerrero ha trasmesso nel suo incontro con gli studenti universitari di Milano

Il periodo di riflusso politico che ebbe inizio negli anni Novanta del secolo passato, dopo il crollo dell’URSS e della maggior parte dei paesi socialisti, fu anche lo scenario di emergenza da parte di Cuba di fronte all’implementarsi delle azioni di destabilizzazione della Rivoluzione cubana da parte degli Stati Uniti del Nord America, la cui virulenza rese necessario che il popolo cubano e il suo governo aumentassero la propria vigilanza rivoluzionaria infiltrando i propri agenti della sicurezza di Stato in seno a quelle organizzazioni terroriste anticastriste con sede a Miami.

Notizie »

In Italia, Giovanni Ardizzone continua a lottare per Cuba

Ardizzone

Nel pomeriggio di sabato scorso, si sono riunite migliaia di persone nella Piazza della Cattedrale di Milano per onorare la memoria di Giovanni Ardizzone, l’indimenticabile studente di Medicina assassinato il 27 ottobre 1962, mentre partecipava ad una manifestazione pacifica contro la minaccia nucleare che incombeva su Cuba. Lui ed i suoi compagni chiedevano solo “Mani fuori da Cuba” e trasportavano messaggi di pace, che esigevano il disarmo mondiale e la fine delle basi militari degli Stati Uniti. Mentre, tutti gridavano: Cuba sì. Cuba sì e yankee no.