Notizie »

Cuba vince la battaglia nella disputa della marca di rum Havana Club

Una battaglia di due decenni su chi ha il diritto di usare la marca Havana Club negli Stati Uniti finì tranquillamente questa settimana nell’Ufficio di Marche e Brevetti con la decisione che il legittimo proprietario è un’azienda del governo cubano.  

La lotta ha messo a confronto Bacardi contro Cubaexport —socio cubano del fabbricante francese di liquori, Pernod Ricard—per la distribuzione mondiale del rum più emblematico di Cuba, l’Havana Club.

Dovuto al bloqueo, il rum fatto a Cuba non può neanche essere venduto negli Stati Uniti. Ma a partire dal processo per la normalizzazione delle relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba, si avvicina il giorno in cui il rum di Cuba non solo arrivi nelle valigie dei visitatori che tornano dall’isola, ma che si venda liberamente nel mercato statunitense.

Il mercoledì, l’ufficio di marche informò David Bernstein, avvocato di New York che rappresenta Cubaexport che la patente negli Stati Uniti della marca della compagnia cubana Havana Club era stata rinnovata, ma solo fino al 27 gennaio. Questo si deve a che il periodo di dieci anni era incominciato il 2006, quando fu respinto il tentativo di Cubaexport per tornare a registrare la marca.

Olivier Cavil, portavoce di Pernod Ricard, ha detto che è stata già presentata una petizione per rinnovare la marca per un altro periodo di 10 anni.

Anche Bacardi tentò di rinforzare il suo caso mediante la vendita del suo proprio Havana Club —fatto a Porto Rico a partire dalla ricetta della famiglia Arechabala, nella Florida—per stabilire i suoi diritti di proprietà attraverso l’uso della marca.

Dopo che la corte suprema si rifiutasse di rivedere il caso in maggio del 2012, Bacardi sperò che l’Ufficio di Marche e Brevetti cancellasse il diritto di Cubaexport di utilizzare il nome negli Stati Uniti.

Ma Cubaexport presentò una petizione davanti all’ufficio di marche, dicendo che la patente non poteva essere revocata e che rimarrebbe congelata finché si manteneva il bloqueo a Cuba.

Malgrado gli Stati Uniti e Cuba restaurassero l’anno scorso le relazioni diplomatiche, il bloqueo proibisce la maggioranza delle transazioni finanziarie con l’isola a meno che non siano autorizzate dall’Ufficio di Controllo di Attivi Stranieri del Dipartimento del Tesoro, OFAC.

Quando Cubaexport tentò di ottenere una licenza dell’OFAC nel 2006 per potere pagare 500 dollari e rinnovare la marca Havana Club, l’OFAC si negò, dicendo che aveva consultato col Dipartimento di Stato e la concessione di una licenza a Cubaexport “sarebbe stata incompatibile con la politica degli Stati Uniti.”

Il risultato: la patente di Cubaexport fu dichiarata “cancellata, scaduta.”

Cubaexport impugnò la decisione dell’OFAC in una corte federale a Washington, ma perse e perse anche l’appello. Quando la Corte Suprema si rifiutò di ascoltarlo, il caso ritornò all’ufficio di marche nel 2012.

Tuttavia, recentemente, Cubaexport ha chiesto di nuovo una licenza dell’OFAC per pagare le sue spese di iscrizione e questa volta gli è stato concesso, disse il portavoce di Pernod Ricard, Olivier Cavil.

Il martedì, Cubaexport presentò una licenza che autorizza il pagamento della sua quota di presentazione per la rinnovazione della patente del 2006, “come tutte le altre transazioni necessarie per rinnovare e mantenere la patente”. Il giorno dopo, il registro della marca si rinnovò.

In quanto all’impatto della decisione per il commercio, Cavil disse: “Non è troppo significativa. Non c’è impatto nel commercio in assoluto, perché il bloqueo continua vigente.”

Pernod Ricard che è sopravvissuto anche alle sfide di Bacardi sull’uso internazionale della marca Havana Club, continua a distribuire la marca in più di 100 paesi e vende circa 4 milioni di casse all’anno.

Pubblicato da Mimi Whitefield sul Miami Herald in inglese e su Cubadebate.cu in spagnolo

tradotto da Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*